Ferrosud, Mermec ne assume 8. I sindacati: e gli altri 57 ?

L’ex stabilimento Ferrosud spa di Matera, con un passato di professionalità e produttività di livello internazionale con le commesse eseguite per mezzo mondo, prova a ripartire. Ma al momento il futuro è legato alle certezze di un portafoglio clienti da ricostruire e da acquisire, dopo la fermata delle attività-per motivi gestionali- degli ultimi anni, che hanno evitato la definitiva chiusura. E la cosa ha tempi e situazioni che i sindacati vorrebbero conoscere, tant’è che hanno chiesto al Ministero per lo sviluppo economico di ”imboccare” i binari giusti, dopo aver dato il disco verde per l’acquisizione dell’industria ubicata nell’area industriale di Jesce alla Mermec spa. Una azienda italiana specializzata in tecnologie avanzate per il trasporto ferroviario il cui quartier generale è a Monopoli (Bari). La Mermec si è impegnata ad assumere nell’immediato 8 dei 65 lavoratori in cassa integrazione fino al 31 dicembre 2022. A renderlo noto i segretari sindacali Maurizio Girasole ( Fiom Cgil), Vittorio Verrascina ( Fim Cisl) e Dino Mangieri ( Uil Uilm) al termine di un incontro a porte chiuse, svoltosi presso la ConfApi di Matera, insieme alla rappresentanza sindacale aziendale, del direttore di Confapi Vito Gaudiano, con il responsabile del personale dell’ azienda , Marco Scippa, e l’amministratore straordinario di Ferrosud avvocato Antonio Casilli. I sindacati hanno annunciato che solleciteranno il Ministero a fornire risposte sul futuro delle maestranze non assunte, in assenza di commesse e di un portafoglio clienti che non consentirebbero- al momento- una eventuale proroga degli ammortizzatori sociali. Un nodo non di poco conto per i sindacati, che andava definito al momento della aggiudicazione. Se ne tornerà a parlare con la determinazione vista in passato. Lunedì 8 agosto, alle 12.00., è previsto un nuovo incontro a Matera tra sindacati e la Mermec, per un esame degli aspetti del piano industriale. Attendiamo che il treno della Ferrosud, acquiita dalla Mermec, si rimetta in marcia con l’arrivo di commesse per revamping o per la costruzione di nuove carrozze. E uno spinta in più, con tempi che non conosciamo, potrebbe venire dal progetto di prolungamento della linea ferroviaria stazione di La Martella ( Matera) in direzione adriatica, a servizio delle aree produttive di Jesce e delle altre che conducono ai porti di Bari e Taranto e delle Zone economiche speciali comprensoriali.

Related posts

Rispondi