Prosegue il rinnovo delle categorie di Confapi Matera, giunte alla decima assemblea in vista dell’Assemblea Generale della prossima estate. Ieri è toccato alla Sezione Unionmeccanica, che raggruppa le imprese che operano nei comparti della meccanica e dell’impiantistica, la seconda categoria più numerosa dell’Associazione dopo quella dell’edilizia.

In una nota si legge che: “Riunitasi lunedì in modalità telematica, l’assemblea ha eletto Presidente della Sezione Unionmeccanica Damiano Cosola, amministratore unico dell’azienda Gruppo Cosola Srl, operante nel settore degli impianti tecnologici, con sede a Matera.

Il Presidente Cosola, che resterà in carica per il prossimo triennio, succede a Franco Solimando di Vis Elettrica Srl, che ha guidato la Sezione negli ultimi anni e che è uno degli associati storici di Confapi Matera, sin dalla sua fondazione.”

La categoria dei metalmeccanici, sia a livello nazionale che locale, è tra le più importanti della Confapi, rappresentando un settore trainante dell’economia, in termini di fatturato, valore aggiunto, PIL e occupazione” – ha dichiarato Damiano Cosola, aggiungendo che:

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, scaduto a ottobre 2020 e attualmente in fase di rinnovo, è uno strumento strategico per migliaia di lavoratori e per le loro aziende. Si tratta, infatti, di un Contratto notoriamente all’avanguardia rispetto agli altri e anticipatore delle istanze future. Nelle trattative per il rinnovo, sono previsti l’introduzione di norme a tutela delle donne vittime di violenza e l’incremento delle misure di welfare per i lavoratori”.

La Sezione Unionmeccanica di Confapi Matera – ha proseguito il neo Presidente – annovera aziende di primissimo livello, di dimensione piccola, media e grande, con elevatissimo grado di specializzazione e capacità competitiva”.

La produzione metalmeccanica oggi non può prescindere dalla cultura dell’innovazione e dall’utilizzo di tecnologie evolute. Le aziende del Materano hanno già intrapreso questa strada – ha concluso Damiano Cosola – e sono pronte a raccogliere e vincere la sfida della trasformazione dei processi produttivi, anche attraverso nuovi modelli di business che valorizzino il know-how imprenditoriale e il capitale umano, creando il modello dell’azienda del futuro”.

L’Assemblea ha rinviato l’elezione del Consiglio Direttivo alla prossima riunione.