venerdì, 24 Maggio , 2024
HomeEconomiaAllevatori in sciopero della fame: Fabbris alla Politica: servono i fatti !

Allevatori in sciopero della fame: Fabbris alla Politica: servono i fatti !

Loro gli allevatori siciliani e campani, come Sebastiano e Pasquale non mollano dopo 11 giorni di sciopero della fame, per quel piano anti tbc e brc, che continuano a non risolvere i problemi del comparto. Anzi. Protestano a nome di altri della rete interregionale’’salviamo l’allevamento di territorio’, preoccupati per le mancate risposte di ieri e per le politiche penalizzanti di oggi. Ma con la salute della gente, delle loro famiglie, di operai e di aziende della filiera non si scherza. Servono lealtà, trasparenza, mettendo da parte una volta per tutte una politica di raggiro, di dilazione o, peggio da mura di gomma, che chiedono giustizia. Parla per tutti Gianni Fabbris, che chiede alla Politica di dare risposta certe: i nodi sono venuti al pettine …

RETE INTERREGIONALE SALVIAMO L’ALLEVAMENTO DI TERRITORIO
COORDINAMENTO DELLA SICILIA
COORDINAMENTO UNITARIO IN DIFESA DEL PATRIMONIO BUFALINO

FORUM PER IL PIANO PARTECIPATO

Sebastiano Lombardo in Sicilia e Pasquale D`Agostino in Campania sono all’undicesimo giorno di sciopero della fame
Rinnovato l’invito ad un incontro per consegnare la petizione al Governo Nazionale

approfondisci, vedi il video e i documenti: https://altragricoltura.net/articoli/undicesimo-giorno-di-sciopero-della-fame-per-gli-allevatori-in-campania-e-sicilia/

Nonostante sia al suo undicesimo giorno di sciopero della fame (assume solo un cappuccino la mattina e beve dal 18 di ottobre), Sebastiano Lombardo, dopo aver accusato per due volte in giornata significativi cali di pressione nella mattinata di oggi 28 ottobre 2023, nel pomeriggio, insieme ad altri della Rete Siciliana Salviamo l’Allevamento di Territorio, sta partecipando, oggi pomeriggio e domani pomeriggio, ad un presidio con un gazebo e volantinaggio nella Sagra di Gagliano Castelferrato (Enna).

Oltre che l’appello (vedi sotto la pagina) con cui si spiegano le ragioni della mobilitazione e i suoi obiettivi e si invita i siciliani a sostenere la petizione con cui Sebastiano e Pasquale, insieme agli allevatori della Rete Salviamo l’allevamento di Territorio, stanno chiedendo al Presidente Meloni ed al Ministro Schillaci di intervenire, viene distribuito anche l’invito a partecipare all’assemblea aperta che si terrà nella Sala Consigliare del Comune di Cesarò martedì sera martedi, 31 ottobre,alle ore 17.30.

Le locandine e i volantini sulla manifestazione che si terrà a Cesarò Martedi sera sono, anche, in affissione e distribuzione a Cesarô, San Teodoro e nei Comuni intorno; a tema dell’incontro il Coordinamento Unitario della Rete Siciliana (che si riunisce lunedì sera 30 ottobre) porrà, fra l’altro, la proposta di un ordine del giorno da sottoporre alla deliberazione dei Comuni siciliani.

Intanto a Casal di Principe in mattinata di oggi sono venuti due parlamentari del M5S ad esprimere la solidarietâ e ad informarsi sulle condizioni di Pasquale D’Agostino. Sono gli On.li Alessando Caramiello e Agostino Santillo del M5S dopo che, nella giornata di ieri 27 ottobre, per il Movimento 5Stelle il Senatore Luigi Nave era intervenuto nell’aula del Senato per ricordare ai colleghi che i due allevatori sono in sciopero della fame come, peraltro, alla presenza di parlamentari di diverse forze politiche, essi stessi avevano annunciato durante la Conferenza Stampa tenuta il 17 ottobre a Roma nella Sala Stampa della Camera dei Deputati (vedi).

Il Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino ringrazia i Parlamentari che sono venuti a trovare e ad esprimere solidarietà a Pasquale D’Agostino ed esorta i diversi parlamentari che fin qui hanno sostenuto le Ragioni degli allevatori bufalini Casertani a proseguire nellazione che “sappiamo stanno sviluppando perché si raggiunga il risultato che insieme abbiamo individuato e per cui in diversi eletti hanno contribuito a definire”.

Gianni Fabbris, portavoce del Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino e della Rete interregionale Salviamo l’Allevamento di Territorio, ha inviato una lettera, in particolare, ai Parlamentari eletti nel Casertano che già a Luglio avevano sottoscritto un documento al Governo Nazionale per sollecitarlo a dare seguito agli impegni assunti ed alle indicazioni parlamentari (oltre che del Sen. Luigi Nave e dell’On.le Alessandro Caramiello per il M5S, si tratta degli On.li Marco Cerreto e Gimmi Cangiano e dei Sen. Domenico Matera e Sergio Rastrelli per FdI; dell’on.le Francesco Mari per i Verdi Snistra Italiana; della Sen. Susanna Camusso del PD; dell’on.le Francesco Rubano – Forza Italia; della Sen. Giovanna Petrenga del Gruppo Civici d’Italia – Noi Moderati – MAIE; dell’On.le Giampiero Zinzi e del Sen. Gianluca Cantalamessa della Lega)

Nella lettera ai parlamentari campani che già si sono attivati, il Portavoce, che li ringrazia per quanto “avete fatto e sappiamo state facendo per vedere riconosciute le regioni degli allevatori campani” sottolinea che gli allevatori in sciopero della fame chiedono una risposta dal Governo cui sono state inoltrate formali richieste di incontro e, dunque, si invitano a sollecitare per le loro competenze la possibilità di tenere al più presto un incontro.

Il Coordinamento unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino ha tenuto ieri sera (27 ottobre) due importanti appuntamenti a Casal di Principe: l’assemblea per decidere il da farsi preceduta da una riunione organizzativa (quest’ultima andata in diretta streaming la cui registrazione può essere rivista sotto questa pagina insieme ai documenti che convocano le iniziative in Sicilia)

L’Assemblea di Casal di Principe, forte e determinata a proseguire le iniziative fino al raggiungimento dei risultati posti a base della nuova mobilitazione, ha dato mandato al Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino di convocare nella giornata di Lunedi 30 ottobre una Conferenza Stampa per annunciare l’Agenda delle prossime attività.

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti