mercoledì, 28 Settembre , 2022
HomeCulturaRoggi a Matera con l' Arte come madre ed energia di vita

Roggi a Matera con l’ Arte come madre ed energia di vita

Enrico Filippucci, appassionato d’arte, ci ha abituati a mostre di livello che lasciano il segno, tanto da indurre il visitatore a ripetere le visite e a guardare oltre quella creazione, magari nella vicina Chiesa del Purgatorio prossima alla galleria di via Ridola o in alto sul terrazzo di un palazzo gentilizio. Perchè l’arte non ha confini e si immerge nell’ambiente, nella natura, perchè viene dalle intuizioni o dalle capacità di sentire e di creare dell’artista. E’ il caso dell’artista toscano Andrea Roggi, che ha un legame particolare con essa, e se ne fa interprete, ambasciatore presso i giovani che stimola ad appassionarli all’arte, come riporta la sua biografia. A Matera, da oggi, e fino a gennaio 2023 la possibilità di apprezzarne produzioni, filosofia e magari di capire- per i non addetti ai lavori o che non abbiano una formazione tecnico liceale – cosa siano e significano nella sua arte il ”pattern atomico’ e la filosofia ”proto-plotinica”. E se non ci riuscite mano alla ricerca. E’ l’occasione per imparare e per approfondire i tanti aspetti di una cultura, che affonda le radici nel passato.

Il comunicato
COMUNICATO STAMPA
Mostra “Andrea Roggi. Terra mater”.

Si inaugura a Matera, mercoledì 21 settembre, alle ore 18.30, presso la Chiesa del Purgatorio e lungo via Ridola, la mostra di scultura “Andrea Roggi Terra Mater | Earth and Heaven, costituita da due sculture monumentali e nove di medio formato. L’evento si sviluppa in un percorso narrativo a “pattern atomico” che descrive la filosofia “proto-plotinica” dello scultore toscano, relativamente al tema della madre terra, del rapporto dell’individuo con “immanenza e trascendenza” ma, soprattutto, dell’origine ultima di tutto, ossia dell’Energia della Vita. Le opere di Roggi,accompagneranno i visitatori in un percorso non soltanto di contemplazione estetica, ma soprattutto di profonda riflessione intellettuale sui temi cari allo scultore: il rapporto con la natura, intesa come Madre Terra, potenza salvifica da tutelare e proteggere, il rapporto con le proprie radici culturali – la memoria e le tradizioni che alimentano la speranza in un futuro migliore – ed il rapporto con il tempo, nel suo scorrere inesorabile.
Di particolare interesse, si prospetta, tra le altre, l’installazione dell’opera l’Energia della Vita, giacché non soltanto si tratta di una scultura unica nel suo genere ma di una vera e propria esperienza emozionale e sensoriale.
L’evento, concesso dall’Istituto Diocesiano per il sostentamento del Clero dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina, è stato patrocinato dal Comune di Matera, dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019 e dall’Azienda di Promozione turistica (APT) di Basilicata.
Interverranno: Don David Mannarella (Arcidiocesi di Matera-Irsina), Enrico Filippucci (organizzatore), Antonio Nicoletti (APT), Tiziana D’oppido (Assessore alla cultura, Comune di Matera). Fondazione Matera 2019, presenzierà l’artista. La mostra potrà essere visitata fino al 15 gennaio 2023.

I GIORNALISTI SONO INVITATI. Gli organizzatori saranno disponibili per interviste e approfondimenti a partire dalle ore 17.30
Spazio Espositivo: Chiesa del Purgatorio, via Ridola, Matera
la mostra resterà aperta dal 21 settembre 2022 al 15 gennaio 2023
ingresso com biglietteria, orari 10/13-17/20
Per informazioni. https://www.oltrelartematera.it/prodotto/le-emozioni-della-forma/
Ref. Enrico Filippucci 335.7835212


RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti