Il pianoforte ”Kyrov” del Belvedere Guerricchio è ancora lì, integro o quasi, e questo non può che far piacere. Significa che si fa avanti quella cultura del rispetto di un bene pubblico, che con la musica delizia materani e visitatori. Sarà sbocciato anche qualche ora, come dimostra una rosa rossa lasciata sulla tastiera. Ma forse l’impeto di passione (chiamiamola così) sarà stato così forte, che un tasto è finito in fondo…al cuore. Uno? Non sappiamo. Servono le mani esperte di un materano verace, l’accordatore di strumenti musicali Mest Rino Malcangi, da Piccianello, e la disponibilità che non mancherà di certo del maestro e mecenate maestro Saverio ”Duni” Vizziello, che ha finanziato il restauro. Ma occorre provvedere anche al ”ricovero” per l’inverno di quel piano che non potrà restare al freddo e al gelo della stagione invernale. Anche questo è amore per la buona musica. Chopin e altri grandi compositori e pianisti concordano…

UNO DEI TANTI SERVIZI PUBBLICATI

Più di un occhio e ”piano” per il vecchio Kyrov