Suggestive? E non solo le foto scattate a ”prima mattina” con gli antichi rioni di tufo, la gravina e l’altipiano murgico avvolti in una fitta coltre di nebbia, in attesa che il sole la diradi. L’effetto è naturale da turismo multisensoriale. Intorno silenzio, qualche auto che procede, giustamente, con i fendinebbia e gli appassionati del trekking urbano che rallentano il passo per un selfies o per ”commentare” : ”come se fossimo in Val Padana”. La coperta di nebbia ci sta ed è un effetto tutto da scoprire. Merito di Donato Martina,artista a tutto tondo, che nel laboratorio dei rioni Sassi ha trovato spazi e condizioni per passare dalla cartapesta al disegno, ai colori. Naturalmente attendiamo un quadro dedicato ai Sassi con la coltre di nebbia…