E’ stata messa in rete da poche ore, sul sito Change.org, la petizione diretta al Comune di Matera: “Intitoliamo il Cinema Comunale di Matera a Pier Paolo Pasolini” dove è possibile firmarla ed invitare altri a farlo.

E’ una iniziativa dell’Associazione culturale Pier Paolo Pasolini (costituitasi nella Città dei Sassi nel 2011) per cercare di dare seguito a quanto affermato in tal senso dal Sindaco De Ruggeri il primo novembre scorso in occasione dell’iniziativa “Infinita eresia – Matera ricorda Pier Paolo Pasolini a quarant’anni dalla sua morte”.

Questo il testo che accompagna la richiesta di firma: “Pasolini appartiene a Matera quanto Matera appartiene a Pasolini. Nel 1964 egli scelse Matera per farne la Gerusalemme del suo capolavoro “Il Vangelo secondo Matteo”. Fu lui il primo a svelare la bellezza della nostra città. Oggi Matera capitale della cultura europea vuole riconoscergli questo merito. Un atto d’amore per uno dei più importanti uomini della nostra storia contemporanea.”

Una iniziativa che punta a creare un ulteriore punto di collegamento della città con il poeta di Casarsa, che ha incarnato in modo eclettico l’intellettualismo dissidente del XX secolo, con spirito critico, scevro da ogni sudditanza politica.

Questo il link dove trovate la petizione:

https://www.change.org/p/comune-di-matera-intitoliamo-il-cinema-comunale-di-matera-a-pier-paolo-pasolini

Notarangelo

 L’ ASSOCIAZIONE CULTURALE PIER PAOLO PASOLINI

Si è costituita a Matera nell’agosto 2011 con lo scopo di valorizzare il notevole patrimonio fotografico/cinematografico  e culturale di Domenico Notarangelo riconosciuto dal Ministero dei beni culturale e dalla Sovraintendenza quale patrimonio di interesse nazionale.

L’associazione presieduta da Mario Notarangelo si vale dell’apporto e della grande professionalità della società Blu video, proprietaria dell’enorme patrimonio fotografico e cinematografico di Mimì Notarangelo che oggi compie 86 anni.

Tra gli obiettivi dell’associazione è la realizzazione di una sede culturale fissa  nei Sassi con una mostra permanente di pannelli fotografici giganti  e di sequenze esclusive sui set dei film gli anni ruggenti di Luigi Zampa, del Vangelo di Pasolini, del Cristo si e’ fermato ad Eboli di Francesco Rosi, e The passion di Mel Gibson oltre che la proiezione di  sequenze video  back stage e documentari  esclusivi realizzati dalla blu video sui set dei suddetti film.

Tutti reperti salienti del ricco patrimonio cinematografico e fotografico del giornalista pugliese ma oramai materano d’adozione che tra l’altro contiene documenti risalenti agli anni 50/60/70  su varie feste patronali della Basilicata, manifestazioni e cortei di lotta  e sui  primi insediamenti nella Valbasento risalenti nel 1961 con delle foto esclusive sulle visite di alcuni noti volti come Mattei, Fanfani e Degasperi.

Il progetto dell’associazione prevede anche mostre itineranti in giro per l’Italia e all’estero come per la mostra fotografica su Pasolini di Domenico Notarangelo gia in giro da tre anni in varie città italiane (Roma,Perugia,Bologna, Casarsa,Adria) e all’estero (Croazia, Germania).

L’associazione ha inoltre al suo attivo (dal 23 giugno 2015) presso il Palazzo Lanfranchi di Matera la mostra fotografica sempre su Pasolini  che  è stata a disposizione dei turisti fino al 24 settembre 2015. Nell’occasione è stato ospite della cittadina materana anche Enrique Irazoqui l’attore che interpretò il Cristo  del film di Pasolini e che ha ricevuto allora dal sindaco Adduce la cittadinanza onoraria.