L’angelo del focolare della visione romantica e fatta di mille sacrifici dell’Italia contadina di un tempo o quella superimpegnata, stressata del BelPaese del virus a corona? Cambia poco alle mamme va tanta gratitudine per quello che fanno, ricoprendo tanti ruoli, con un obiettivo : riuscire a dare le risposte a tutto e a tutti, mettendo da parte sè stessa. Antonio Serravezza, riportando alcune frasi dialettali e di forte efficacia, ne celebra ruolo e immagine all’interno di una economia famigliare e contadina, con quel velo di malinconia per un passato che non ritorna. Ma scritto nei versi di Francesco Pastonchi : ” La mamma è come un albero grande che tutti i suoi frutti ti da…”. La mamma è la mamma.La momm ì la momm, sempre.

LA MOMM E’ LA MAMMA

C’è un vecchio proverbio materano che dice tutto “ La fugghij mit, la momm s l’antend”. Tradotto nella lingua italiana corrente “La mamma capisce i problemi della figlia muta”.

Pensate che già tra il ceto medio la mamma in dialetto veniva chiamata “mammè”.

Chi era la momm o la mammè o ancora oggi la mamma?

La mamma è una delle persone più importanti della nostra vita, colei che ci ha donato la vita, la nostra figura di riferimento nell’ambito familiare.

E’ per questo che c’è una ricorrenza speciale, come la festa della mamma, che si ripete ogni anno alla seconda domenica di maggio.

E’ un’ottima occasione per ricordare e festeggiare questa figura che tutti noi riconosciamo come la nostra fonte di vita.

In passato, la momm era la persona forte della famiglia che gestiva la casa e i figli mentre i mariti si recavano in campagna alle prime luci del giorno per far rientro anche dopo il tramonto.

La momm era colei che quando il marito attacchev u’ ciudd u train, trmbev(impastava) u’ ppèn. Quindi la mamma si alzava con il marito per preparare il pane da portare al forno e già iniziava a preparare da mangiare per tutta la famiglia quando la sera si riuniva al rientro del capo famiglia.

La mamma fa sempre tutto il possibile dimenticandosi di stupirsi per quanto tutto questo significhi. Evviva le mamme!