Un’artista che con i suoi disegni e la sua arte ha incantato molti curiosi. Un mondo fatto di matita e tecnica raffinata che solo chi ha un talento cristallino può mostrare. La grafite e il carboncino senza tralasciare l’acrilico, l’acquerello ed altre tecniche sapientemente utilizzate che aprono all’Iperrealismo. Stiamo parlando di Dalila Taddeo, architetto di professione e artista per passione, grazie ai suoi ritratti in bianco e nero molto apprezzati.

La sua verve artistica comincia a prendere forma già dai tempi del Liceo artistico “Carlo Levi” di Matera per poi conseguire la laurea in architettura nel 2016 presso l’Università degli Studi della Basilicata. Un percorso artistico quello di Dalila fatto di sperimentazioni e apprendimento da autodidatta di nuovi materiali per delle opere uniche e pregevoli che si possono apprezzare anche sulla pagina facebook: D.t.art&design-caricature e ritratti.

L’abbiamo incontrata per questa intervista esclusiva.

Quando è cominciata la tua passione per l’arte?

“In realtà disegno da quando ero bambina. Mi divertivo a realizzare cartelloni nel periodo delle scuole elementari. Disegnavo ovunque e in qualsiasi momento. Se ci penso sarà stato l’amore per i film d’animazione a far nascere in me la voglia di disegnare poiché mi ha sempre affascinata il fatto che da semplici disegni si potesse ricreare una tale magia. Poi crescendo le passioni sono aumentate e il mio interesse, pur non avendo mai abbandonato l’amore per l’animazione, è andato verso altri ambiti come la fotografia. Nel momento in cui ho unito l’attenzione per i dettagli fotografici e il disegno è venuto fuori un interesse per l’iperrealismo e la voglia di perfezionare sempre di più la tecnica con la matita”

Cosa rappresenta per te quello che fai?

“Disegnare per me è sempre stato un modo per evadere dalla realtà. Quando disegno perdo la cognizione del tempo. Non è semplice spiegare l’emozione che suscita un qualcosa che ha sempre fatto parte di me. Crescendo mi sono resa conto che non potevo fare a meno di immaginare ogni volto e ogni elemento sotto forma di disegno. Praticamente ad oggi il disegno rappresenta il mio mondo”.

I tuoi disegni artistici hanno suscitato molto interesse alla mostra che hai realizzato recentemente. Che emozione hai provato?

“Sinceramente non immaginavo un tale successo. Tutto è partito da un progetto che avevo in mente ormai da anni e che ho pensato di realizzare ora poiché siamo in un momento florido per la nostra amata Matera. Sono rimasta colpita dalla risposta positiva che ho ricevuto da tutti coloro che son venuti a visitare la mostra e hanno apprezzato la mia arte ma anche da chi con un pensiero mi ha incoraggiata. Credo che la cosa più importante per una giovane artista sia l’approvazione degli osservatori ma, cosa più importante, la critica che può solo far crescere professionalmente e personalmente. Quindi grazie a chi ogni giorno mi sprona a migliorare sempre di più”.

Quali sono le tecniche che utilizzi e a cosa ti ispiri quando disegni?

“Quando realizzo i miei ritratti utilizzo matite con diversa morbidezza della grafite e polvere di carboncino. Non ho una figura precisa a cui mi ispiro quando realizzo le opere. Principalmente i miei modelli sono volti umani. Quando invece lavoro con gli acquerelli l’ispirazione arriva dai sogni che faccio e che fortunatamente riesco a ricordare. L’intento è quello di produrre opere a matita seguendo questa stessa ispirazione”.

In definitiva. Chi è Dalila Taddeo?

“Dalila Taddeo è una ragazza con mille ambizioni, che si pone degli obbiettivi, sia nel mondo dell’arte che nella vita, cercando di raggiungerli con passione e tanta determinazione. Questo è come piace ‘’disegnarmi’’ sperando di trasmettere agli altri sempre positività e amore per quello che ci rende felici.

Io, in ogni caso, devo ringraziare da sempre i miei genitori e i miei cari fratelli per la persona determinata che sono e Kekko che ormai da anni è sempre presente”.

I prossimi impegni artistici di Dalila Taddeo la vedranno protagonista all’evento culturale e artistico ”Nel blu- Modugno storia di un bambino”, che si terrà a San Mauro Forte(Mt) il prossimo 7 settembre in omaggio al famoso cantautore italiano Domenico Modugno.