I quaderni cartacei a righe, a quadretti o gli opuscoli di riflessione su questo o quel tema sono un ricordo, per questione di costi e per esigenze di praticità. Le pubblicazioni on line possono raggiungere un maggior numero di destinatari e così anche il circolo culturale “La Scaletta’’ torna a comunicare, con il primo dei quaderni nella nuova veste telematica dal 25 aprile. Nel comunicato alcune anticipazioni e tra queste il ricordo di un viaggio del presidente onorario e socio Massimo Cacciari. Buona lettura. Ma non disperiamo, chissà, di poter sfogliare un quaderno , anche di carta riciclata. Altre sensazioni, atmosfere…che i libri elettronici (per gli appassionati di anglicismi è l’ e book) non potrà mai dare.

Nascono i Quaderni de La Scaletta, una nuova pubblicazione on
line

Il 25 aprile, in una data dal così forte valore simbolico, comincia una nuova avventura per il nostro storico Circolo culturale.
Nasce il numero 1 della pubblicazione online Quaderni de La Scaletta, (in una sezione dedicata, sul sito ufficiale www.lascaletta.net ) dalle cui pagine vogliamo offrire a tutti coloro che vorranno seguirci, un racconto della nostra storia, della nostra città, ed uno sguardo sulla realtà che ci circonda nelle sue più diverse declinazioni.
La pubblicazione sarà divisa in rubriche, ognuna delle quali affronterà tematiche diverse,
dalle memorie del Circolo, alle visioni di una città futura, dalle testimonianze sulla nostra città di importanti personalità che vivono in altre realtà, al racconto di storie cittadine. Un nuovo sguardo che abbraccerà anche le questioni più attuali e il mondo variegato delle arti.
Questo primo numero sarà, inoltre, arricchito da un prezioso cammeo, il ricordo di un viaggio a Matera del Prof. Massimo Cacciari, nostro illustre socio onorario.
Infine, una piccola sorpresa tutta da scoprire, che speriamo possa divertire tutti.
Un progetto a tutto tondo insomma, come un viaggio che dai vicoli suggestivi della città di pietra ci porterà alle strade del mondo, e dalle strade del mondo di nuovo alla pietra, custode fedele del nostro passato e vessillo del futuro.