Coincidenze spesso fanno rima con ricorrenze e allora i dirigenti del Conservatorio musicale ‘Egidio Romualdo Duni” di Matera apre l’anno accademico con un concerto all’auditorium nel giorno della patrona della musica e dei musicisti santa Cecilia. Un concerto di prim’ordine e con un programma che lega energia ed armonia, che coinvolgerà tutte le risorse di una istituzione musicale di cui andar fieri a livello nazionale e internazionale. Siamo certi che il ”Conservatorio” , vera fucina di talenti italiani e stranieri, riserverà ad allievi, docenti e alla città tante soddisfazioni e con i buoni auspici della Santa Patrona nel giorno della sua festa. E ci piace ricordare una piccola, ma simpatica persona, Franceschino Zaccaro, scomparso di recente, che da solo si impegnava per la ricorrenza. Il concerto è anche per lui.


COMUNICATO STAMPA
Lunedì 22 Novembre alle ore 20 presso l’Auditorium Gervasio di Matera, nel giorno si Santa Cecilia, Concerto inaugurale dell’Anno Accademico 2021/22 del Conservatorio Egidio Romualdo Duni di Matera. Ad annunciarlo il Presidente Dott. Achille Spada e il Direttore Prof. Saverio Vizziello. Protagonista l’Orchestra Sinfonica formata da studenti e docenti dell’Istituzione di Alta Formazione Musicale della città dei Sassi. L’orchestra per l’occasione eseguirà l’Overture dal “Barbiere di Siviglia” di Giovanni Paisiello, il celebre “Concerto de Aranjuez” per chitarra e orchestra di Joaquin Rodrigo e la Suite “El Amor Brujo” di Manuel De Falla. Sul podio il messicano Pablo Varela docente della classe di Direzione d’Orchestra e solista il docente di chitarra Antonio Rugolo.

L’Orchestra Sinfonica del Conservatorio Duni ha al suo attivo concerti alla Carnegie Hall di New York, Filarmonica di Berlino, Mozarteum di Salisburgo e numeri esibizioni in altre città del mondo come Amburgo, Gerusalemme (concerto trasmesso in mondovisione), Valencia, Praga, protagonista nell’anno della Capitale della Cultura a Matera con l’esecuzione della monumentale Nona Sinfonia di Beethoven con 200 esecutori alla Cava del Sole alla presenza di 2.300 spettatori. Nella sua sede con i suoi tre stupendi palazzi storici di Piazza Sedile nei Sassi di Matera e con un organico di 100 docenti e più di 600 studenti dei corsi accademici il Conservatorio Duni è tra le istituzioni musicali italiane che si distingue per la sua offerta formativa sia classica con i propri studenti vincitori in questi mesi di importanti concorsi ed audizioni nazionali, ma soprattutto indirizzata alla musica jazz (chitarra, pianoforte, batteria e canto jazz, basso elettrico e composizione jazz) e alle nuove tecnologie musicali con discipline quali la Musica Elettronica e il Tecnico del suono, unico Conservatorio nel sud Italia ad aver attivato nella nostra “città del cinema” la classe di Musica Applicata alle Immagini (musica da film). Il concerto sarà ad ingresso libero fino ad esaurimento posti e consentito secondo le norme anti Covid-19 vigenti.