lunedì, 6 Febbraio , 2023
HomeCulturaCarpe Diem e non solo nel "Popolare '' Orazio

Carpe Diem e non solo nel “Popolare ” Orazio

Il divin poeta di Venosa descritto con vena ironica da Nicola Valletta in una gustosa una succosa parodia dell’Ars poetica ,dal titolo “Arazio a lo Mandracchio”, avrà sghignazzato da par suo nel bucolico paradiso dei poeti per un’anima popolare che sotto sotto gli appartiene. E Pietro Andrisani, con un divertente affresco del passato, tra “direttive’’ e “goliardate’’ da clima festoso di Piedigrotta ce ne dà un corposo assaggio di come gli ultimi “ senza pensieri’’ o quasi considerasse un personaggio di quella levatura. E apprezzare che “… Le piaceva assale de fa l’ammore. Nisciuno Poeta è stato cchiù d’Arazio pronto a fa l’ammore’’ era un modo per avvicinarsi alla cultura dei piaceri. Basta un modus vivendi e operandi, pur non sapendo né leggere e né scrivere…Risate doppie e grazie al nostro infaticabile, maestro e musicologo, depositario dei mille scritti noti e meno noti che negli anni hanno reso indimenticabile Quinto Orazio Flacco.

Orazio raccontato nell’idioma del Popolo che più ha osservato le
“direttive” del
Carpe diem

La filosofia del carpe diem che ha goduto sempre vita felice nel fascinoso mondo canoro napoletano tocca l’apogeo della sua espressione nel terzo atto della Festa di Piedigrotta (1853) di Luigi Ricci (Napoli, 1805-Praga, 1859) quando il personaggio Cardillo interpreta la canzone della taverna:
Magnamme, amice mieje, e po’ bevimmo
‘nzì a tanno ca ‘nc’è uoglio a lalucerna.
Chissà se all’auto munno’nc’è taverna.
Vedimmoncenne, de la vita, o bbene.
Lo presente è ‘no sciuscio e no se vede;
lo passato è passato e cchiù no vene
e all’avvenire è pazzo chi ‘nce crede.
Facimmo mo’ la prova
De chi sa cchiù ‘nciucià
E ‘na canzona nova
Volimmo mo’ cantà:
Magnamme, amice mieje, e po’ bevimmo
Etc.
(Marco d’Arienzo: Napoli, 1811-1877)

L’eclettico giureconsulto Nicola Valletta (Arienzo,1748 -Napoli 1814), convinto che Orazio poteva essere ben capito e gustato perfino dalla umilissima gente dei bassifondi della zona del porto di Napoli, compose, in dialetto napoletano, una succosa parodia dell’Ars poetica dal titolo “Arazio a lo Mandracchio”, facendola precedere da una esilarante biografia del Venosino, sempre nel medesimo idioma.

Nicola Valletta
(Frammenti)

di

Nicola VALLETTA

Arazio, Pugliese nuosto, nascette a Venosa, a l’anno de Romma 688.
Papà sujo, Gabbelloto comm’era, o Casciere de le cose, che se vennevano a lo ‘ncanto , pure lo mannaje a la scola d’Orbilio de Beneviento: e fatto strappatiello, lo portaje a studiare a Romma. Llà facette li curzi suoje, e appassaje li figliuli de li Senaturi, e de li Cavalieri.
Arrivato a 18 anni d’aità, se ne jette a le Magnifiche Scole d’Atene pe’ studiare felosofia.
Ora, venimmonecenne ca Bruto che, doppo avè fatto lo servizio a Cesare , a Macedonia aunì n’eserzeto pe’ ghì contro ad Attavio; e Arazio nuosto fu fatto Tribuno de’ Sordati, zoè, Generale.
Ma ‘ntimata la guerra a Filippi, Cetà de la Macedonia, ‘ndelà se ne scappaje e facette vela pe’ tornare a Romma:
e poco mancaje che non fosse juto a mare, vicino lo promontorio Palinuro.
Ddio sa, comme arrivaje a Romma: e vedenno la chiena de li spiiùni, e de’ partiti contrarii, chiuso, se spassava a faje vierzi.
E la bellezza de sti vierzi lo facette ammico de Vergilio e de Mecenate, lo quale avette l’abilità de farlo trasì puro ‘ngrazia d’Attavio Cesare, che lo volette bene assaje; e sapette che aveva pigliate le parti de Cazzio e de Bruto.
‘Nconte de 27 anni scriveva le cchiù belle cose.
Ma se rennovaje la guerra cevile ‘ntra Attavio e Pompeo, figlio de Pompeo Granne: che non piacette a lo Poeta nuosto, lo quale pigliaje a lodare Agrippa prudente, e valoroso Generale de Cesare; decenno male d’Antonio che l’aveva moppo la guerra.
Se cojetarono ‘nfine le cose: e lo Senato dette lo nomme d’Austo ad Attavio Cesare, ll’anno settecienteventisette.
Doppo de chesto, Arazio accompagnaje Austo, primma ‘n Franza e ‘Ngritterra e po’ a’ Spagna, p’addommarle, comme facette: e malato se ne tornaje a Romma.
Po’ jette a li Parti, che tra de lloro se scannavano: e spisso Arazio loda la vettoria, che ne reportage senza sango.
Llodaje po’ Tiberio, che fu mannato a cojetare le cose d’Armenia, e pe commanno de lo ‘Mperatore facette la Canzona Secolare, pe la gran festa d’ogni ciento anni, doppo data la pace all’Inniani, che l’avevano mannati Ammasciaturi pe’ averla.
Puro jette doppo ‘n Germania, e a vederlo schitto, li Sciambri le cercarono la pace.
‘Nfine cojetaje Franza; e ‘nfine, li Rieti, e li Vinnèlici, Puopoli a le ràdiche de l’Arpi, ‘ncojetature de l’Italia, furono accisi da Tiberio e da Druso, mannati da lo ‘Mperatore.
E Arazio loda ‘sti duje Giuvani co’ doje canzone;
e pure Arazio morette l’anno 746, d’aità soja 57, e ne l’anno medesimo se la cogliette Mecenate.
De cuorpo Arazio era pataniello, grassotto, cecagnuolo, scazzatiello.
De spirito biliùso de primmo moto, ma po’ tutto cerimonie, facelone a pregià, amico de l’amici.
Furono cari amici suoje tra l’autri, Tibullo, Varo, Virgilio.
Ma se disperava quanno sciuocchi Poeti le volevano fa sèntere vierzi a spaccastròmmole.

Le piaceva assale de fa l’ammore. Nisciuno Poeta è stato cchiù d’Arazio pronto a fa l’ammore.

Mo’ che simmo a chesto, fermammonce no’ tantillo, ca è bello a sapè, ca primma volette bene a Donna Cinara, femmina interessata, comm’erano quasi tutte le Rommane, pronte a fa piaceri pe’ denari, che schitto da isso non esigeva. Ma Arazio se faceva volè bene senza pavà da l’avara Cinara, comme isso stisso scrivette a lo fattore sujo.

Ma comme Arazio era votabannera, e no pigliava affitti a tiempo a luongo, se votaje a volè bene a la Siè Lidia;
e perché chi la fa l’aspetta, chesta, a la quale ‘no ‘nnammorato non l’avastava, llè tornaje la pareglia;
pecchè lo cagnaje pe’ tre zerbinotti, ch’erano Sibari, forte comm’a Ercole; Telefo, giovane ricco, galante e addotto; e Carai, cchiù bello de tutti.
E lo Poeta se spassava a fa Canzuni contro a la bella;
e le mese ‘mbrattacore Sibari, e Telefo, che mozzecava comm’a porco sarvateco.

Lo Poeta sbotato pe’ tanta rivali, se dette ad amà Cloe, , bella ancora, che ghiera appriesso a la mamma, come a no cerviotto mpaurato, che da na macchia fuje e va a trovà la mamma. e le persuade a lassà la mamma, decenno ca esso non era n’anemale feroce. Cloe, figlioletta de 15 anne, però malezeòsa.
Arazio, da Cloe, che lo tradette, tornaje ad assediare la piazza smantellata de Lidia, doppo lo valoroso Sibari, lo galante Telefo e lo bello Carai,
e Lidia l’asciuttaje lo vorzillo: e ndeboluto, e passato la gioventù, la lassaje, e co’ le vierzi la frezziava.
Doppo se mette a volè bene a Lalage, peccerella e bella, che la paraona a ‘na vaccarella che non le s’è puosto lo juogo ancora. La bella non amma l’ommo de spirito ma chi tene le cose comuni a le bestie. Pe’ chesto Ippaba se ‘nnammoraje de Crate bello, e addotto.
Ma comme Arazio era de no naturale che non durava a la passione cchiù forte e viva, né le piaceva de piglià affitto a luongo tempo, se votaje a volè bene a Lesbia, femmina capace de ‘ncatenà senza ‘ncatenarse…
e perché chi la fa l’aspetta, chesta, a la quale ‘no ‘nnammorato non l’avastava, llè tornaje la pareglia;
pecchè lo cagnaje pe’ tre zerbinotti, ch’erano Sibari, forte comm’a Ercole; Telefo, giovane ricco, galante e addotto; e Carai, cchiù bello de tutti.
E lo Poeta se spassava a fa Canzuni contro a la bella;
e le mese ‘mbrattacore Sibari, e Telefo, che mozzecava comm’a porco sarvateco.

Lo Poeta sbotato pe’ tanta rivali, se dette ad amà Cloe, , bella ancora, che ghiera appriesso a la mamma, come a no cerviotto mpaurato, che da na macchia fuje e va a trovà la mamma. e le persuade a lassà la mamma, decenno ca esso non era n’anemale feroce. Cloe, figlioletta de 15 anne, però malezeòsa.
Arazio, da Cloe, che lo tradette, tornaje ad assediare la piazza smantellata de Lidia, doppo lo valoroso Sibari, lo galante Telefo e lo bello Carai,
e Lidia l’asciuttaje lo vorzillo: e ndeboluto, e passato la gioventù, la lassaje, e co’ le vierzi la frezziava.
Doppo se mette a volè bene a Lalage, peccerella e bella, che la paraona a ‘na vaccarella che non le s’è puosto lo juogo ancora. La bella non amma l’ommo de spirito ma chi tene le cose comuni a le bestie. Pe’ chesto Ippaba se ‘nnammoraje de Crate bello, e addotto.
Ma comme Arazio era de no naturale che non durava a la passione cchiù forte e viva, né le piaceva de piglià affitto a luongo tempo, se votaje a volè bene a Lesbia, femmina capace de ‘ncatenà senza ‘ncatenarse…

Già Gaio Petronio Arbitro, in una terzina del suo Satyricon, opera che redige a Pozzuoli (NA), esprime l’idea del Carpe diem oraziano.

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti