“Matinate e cupa cupa” un classico nel periodo di carnevale a Matera, che va in onda sui canali web di Facebook, https://m.facebook.com/matinateecupacupaofficial/,
Youtube, Instagram tutti i martedì, giovedì e sabato dalle 14 e, naturalmente, in tour presso tutti i ‘focolari” del beneagurante ” Tutti a casa” che conclude le visite con serenate a domicilio. Tanto volontariato e tanta passione (bamboli per voi non c’è un euro) per l’allegra brigata guidata dal conduttore e moto perpetuo Saverio Pepe, con il supporto tecnico di Giuseppe Petragallo e la regia musicale di Claudio Mola che tesse la …ragnatela serale delle matinate porta a porta, legate alla tradizione carnascialesca della Città dei Sassi. Un fil rouge, meglio multicolore visto il clima di carnevale, che coinvolge di volta in volta altri concittadini o musicisti con la voglia di divertirsi come i clown da musicoterapia dell’Oasi del sorriso. Il menù è sempre lo stesso con canti, amicizia, quattro chiacchiere e la tavola apparecchiata dopo aver riverito la padrona di casa. Per loro un mito, quel Peppino ” U’ mat’net” Persia, attore nel ” Cristo si è fermato a Eboli” di Francesco Rosi che impazzò nel carnevale degli anni Ottanta dagli schermi di Trm alle case di tanti concittadini, che sostenevano l’iniziativa. Reale e virtuale insieme per vivere l’atteso appuntamento, che vanta una valanga di apprezzamenti con ”mi piace” sulla pagina face book e tante telefonate per ”Matinate e Cupa cupa” . Naturalmente se vi viene in mente di organizzare matinate per conto vostro e filmate quegli eventi gli organizzatori di ” Matinate e Cupa cupa” saranno ben lieti di riportare una sintesi di quell’evento sulla pagina social, in modo che possano viverla e condividerla anche altri. Forza, allora, tamburello, cupa cupa, fisarmonica,voce intonata e bussate alla porta di persone che vivono lo spirito di Carnevale. Non dimenticate di riverire la padrona di casa, che sarà ripagarvi nel corpo e nello spirito. E poi tutti a casa… come ripeteva Peppino Persia. Merita un momento. A Matera ci sono due cubi vuoti, a Piccianello, e in via Nazionale per ospitarlo. Che parta la colletta . Saverio, Claudio, Giuseppe e via elencando o cantando, pensateci voi e….passa parola.