martedì, 16 Luglio , 2024
HomeCulturaAngeli Caduti …nel volo artistico di Anselm Kiefer

Angeli Caduti …nel volo artistico di Anselm Kiefer

Quando l’arte cerca di denunciare il disagio di un’epoca, mettendo da parte occhi, sguardi di donne e uomini che hanno lasciato sul campo vite e ricordi, tocca all’artista amplificarne il messaggio aprendo alle capacità descrittive di un paesaggio che ne descrive sofferenze e speranze. L’arte del tedesco Anselm Kiefer è tra queste. La mostra “Angeli Caduti’’ inaugurata a Firenze, a Palazzo Strozzi, ha una traccia precisa da elaborare, con soggetti, colori che danno un colpo d’ali alle riflessioni su quello che sono state le tante vicende umane e i conflitti del secolo scorso. Se avesse tempo e possibilità l’ottuagenario artista tedesco, con una apertura alare su Ucraina e Gaza, avrebbe riprodotti altri cieli…come quelli del documentario ‘’Anselm’’ di Wim Wenders Un altro spunto di Armando Lostaglio per visitare la mostra fino al 21 luglio.

A Firenze, Palazzo Strozzi, in mostra “Angeli caduti” di Anselm Kiefer, un viaggio di una straordinaria potenza espressiva, un impatto scenico fra mito e filosofia.
E’ aperta fino al 21 luglio, un invito a non perderla: rappresenta la capacità di un uomo di concepire opere di superba fattura, su misure straordinarie, in cui ogni millimetro emana un cromatismo simbolico che merita equi approfondimenti. Del resto, è lo stesso secolare Palazzo Strozzi luogo di incontro fra architettura e arte, teatro visivo in ogni suo spazio.
Noi ci nutriamo di dettagli, immagini non sempre in primo piano, dove può apparire il sorprendente e quindi lo stupore. Qui ha luogo “il timido inizio, il godimento”, direbbe Roland Barthes: “La letteratura come l’arte non permette di camminare ma permette di respirare.” E paradossalmente l’artista tedesco sembra toglierci il respiro quando ci si immerge nelle stanze della mostra, specialmente quella degli specchi che riflettono le opere fissate sulla volta della stanza.
E così fa l’arte, così fa il cinema, quell’arte in movimento, in divenire, a guidare lo sguardo dove non guardiamo.
Kiefer il soggetto del documentario “Anselm”: il film di Wim Wenders si concentra sul pittore e scultore, illumina il suo lavoro, il percorso di vita, l’ispirazione, il processo creativo e il fascino dell’artista per il mito e la storia, la spiritualità oltre ogni sua forma. Wenders quasi attratto dagli angeli come nel suo Cielo sopra Berlino, rende aeriforme il confine tra opera filmica e pittura.

Armando Lostaglio

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti