“Lui, lei e l’altra” o “Io, tu…la comare o il compare” tutti insieme appassionatamente e senza ipocrisie in nome dell’amore. Potrebbe essere il 23 dicembre la giornata nazionale per celebrare ruolo e figura dell’amante, la figura ‘’sdoganata’’ dall’interessante e intrigante libro “Amo te…starò con lei per sempre(Giraldi Editore), di Camilla Ghedini e Brunella Benea,presentato a Matera alla vigilia di Capodanno  nell’accogliente Hotel Le Monacelle tra una tisana, un biscotto e tanti sorrisi.

Una data che aiuterebbe il legislatore, come da proposta di legge che le autrici hanno inserito nel lavoro, a mettere nero su bianco un “rapporto’’ diffuso che ha fortune alterne ma che fa parte della virtuosa e, a volte sofferta, filiera della nuova famiglia del Bel Paese. E così, la benemerita figura dell’amante si presta a mille approcci, considerazioni, aneddoti, luoghi comuni, ma anche a storie di diverso sapore e amore, in relazione al sale che ci mettono – in riva al mare o in città-i protagonisti di un romanzo a puntate che sfoglia pagine del reale e dell’immaginario personale e collettivo.

E non mancano le situazioni paradossali create dal discolo Cupido, che fa incontrare mogli, mariti e amanti in un albergo, li porta a scegliere vacanze last minute, a incrementare il forziere delle bugie e delle cene di lavoro e a donare lo stesso gioiello alle dolci metà della metà, magari scelto da una delle due.

In mezzo l’ipocrisia, il “bempensantismo’’ finto moralista da perdono ecumenico senza recite di “Pater’’ o “Ave’’ e i tentativi imbarazzanti di risolvere definitivamente rapporti o situazioni con l’inevitabile out out. E qui delusioni ma anche, a volte, rotture con il passato finiscono con l’incrinare il vaso di Pandora del menage famigliare o extrafamigliare o ad accelerare il percorso verso nuove unioni, regolarizzando rapporto clandestini che ben rendono il titolo scelto dalle simpatiche e intraprendenti autrici.

E’ toccato a Isa Grassano, dinamica giornalista lucana che da Bologna continua a viaggiare con ottime pubblicazioni lungo gli itinerari del costume e dei viaggi da non perdere con amiche ma anche con amanti, presentare e mettere pepe alla serata materana. Doveva esserci con lei anche Anna Giammetta, amica di vecchia data, ma il maltempo le ha impedito di raggiungere i luoghi della Civita e di ascoltare quello che è venuto dal pubblico “grillo parlante’’ in sala  con osservazioni, ricordi e proposte e la partecipazione a un questionario dedicato che non ha lasciato dubbi sulle risposte da dare.

Alle autrici non resta che trovare un illuminato relatore in commissione parlamentare, che perori una causa nobile “veramente buona e giusta…’’ da portare avanti.

Nel calendario delle priorità su unioni, diritti di famiglia e altro ancora si potrebbe cominciare dopo le ricorrenze del 14 febbraio di San Valentino (festa degli innamorati), del 15 febbraio San Faustino ( dei single) o di san Martino (dei cornuti o tradite) il 9 novembre  per arrivare alla fatidica data del  23 dicembre, giornata ideale per  celebrare intorno al presepe e alla casa grotta della Natività la giornata dell’amante. A San Gregorio Armeno sono già pronti per il nuovo pupo o da inserire nel talamo allargato o double place…

Auguri e giocatevi il 23 e il 2 l’amante , ma fate attenzione alle filiera di ben 55 abbinamenti previsti dalla Smorfia…che spaziano dall’amante tradita alla cena a lume di candela. Non è prevista la scenata della moglie o del marito, ma questo è un altro terno al lotto da azzeccare.

Buon anno, allora,  con l’amica o con l’amico del cuore passando per l’8 marzo e dintorni e senza dimenticare le scontatissime e citatissime pari opportunità. Chi è senza peccato scagli la prima pietra…Assoluzione garantita!

Ghedini-Benea, bassa ris1544947_857458367609835_3103526260488252338_n