Nel mentre in altre nazioni la situazione non accenna a virare verso una certa tranquillità, in Italia la situazione sembra essersi al momento stabilizzata in attesa di ciò che potrebbe accadere (nessuno è in grado di dirlo con certezza) in autunno.

Secondo il Ministro della Salute Roberto Speranza “i dati internazionali del Covid sono ancora preoccupanti. Gli ultimi segnali da Francia, Spagna e Germania ci dicono ancora una volta che la battaglia non è vinta, neanche in Europa. Per questo dobbiamo insistere con la forza della prudenza”.

E’ evidente che a fronte di ciò la proroga dello stato d’emergenza appena avallato dal voto del Parlamento è quanto mai opportuno al fine di consentire alle autorità competenti di potersi muovere velocemente in caso di necessità.

Bisogna ricordare che lo stato d’emergenza che fu deliberato il 31 gennaio era a fronte di soli due casi covid19 in tutta Italia. Sappiamo cosa è poi successo. Immaginiamo come sarebbe andata se in via cautelativa non fosse stato adottato.

Anche in Basilicata, al netto delle paure alimentate per la positività degli ospiti nelle strutture di accoglienza, la situazione rimane stazionaria.

Infatti, “La task force regionale comunica che nella giornata del 29 luglio sono stati processati 277 tamponi per la ricerca di contagio da Covid 19, risultati tutti negativi.

Con questo aggiornamento i residenti in Basilicata attualmente positivi restano 2 e si trovano in isolamento domiciliare.

Nel reparto di malattie infettive dell’ospedale ‘San Carlo’ di Potenza sono ricoverate 2 persone di nazionalità estera e provenienti da Stato estero e che per questo non rientrano nel totale dei lucani contagiati.

In giornata è stata confermata la guarigione di un cittadino lucano in isolamento in Basilicata che però era stato conteggiato in Puglia, avendo effettuato lì il tampone. Questa guarigione non viene conteggiata tra i guariti lucani così come non era stata conteggiata la positività

Ai positivi vanno aggiunti nel complesso 28 persone decedute (9 di Potenza, 2 di Paterno, 1 di Spinoso, 2 di Moliterno, 1 di Villa d’Agri, 2 di Rapolla, 1 di Irsina, 1 di Montemurro, 1 di Pisticci, 2 di Matera, 1 di San Costantino Albanese, 2 di Avigliano, 1 di Tursi, 1 di Aliano, 1 di Bernalda); 373 guariti; 2 persone di nazionalità estera ricoverate all’Ospedale ‘San Carlo’, 4 persone di nazionalità estera che si trovano in isolamento domiciliare in Basilicata; 28 cittadini stranieri in isolamento in strutture dedicate in Basilicata; 1 cittadino lucano in isolamento in Basilicata ma sottoposto a tampone in Emilia Romagna e lì conteggiato.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 46.818 tamponi, di cui 46.250 risultati negativi. Il prossimo aggiornamento domani, 31 luglio, alle ore 12,00.”

A seguire il bollettino quotidiano con tutti i dati riassuntivi: