Il recupero di una linea ferrovia adriatica dismessa, il varo di un progetto che dovrà essere appaltato nei tempi e nei modi da definire e chissà che il sogno di Nicola Locuratolo non si concretizzi per una data ragionevole. A segnalarlo lo stesso autore di tante prese di posizione su ambiente, trasporti e sviluppo sostenibile. C’è un appuntamento che potrebbbe essere risolutivo…

Nicola Locuratolo

Finalmente, finalmente si intravvede la luce nel fondo della galleria del tempo passato (trent’anni).E’ dagli anni ’80 che avevo visto e…sognato, a seguito dell’insulto ambientale subito dalla “mia” Oasi Faunistica del W.W.F. del lago di San Giuliano, in prossimità di Matera il “mitico” treno Mi- R.Calabria transitare per Matera, recuperando una linea ferroviaria efficiente, ma dismessa, la Barletta-Gioia del colle. Oggi questo annuncio si spalanca davanti ai miei occhi come luce in fondo al tunnel e sono ancor più convinto che il mio sogno si identifichi con il TEN-T10 e ,quindi, con il MI-Pa (via Matera).

Qui di seguito il comunicato stampa : COMUNICATO STAMPA
Il progetto comunitario ISTEN – Integrated and Sustainable Transport in Efficient Network (Transnational Cooperation Programme Interreg ADRION 2014-2020) ha come obiettivo principale l’individuazione di proposte, azioni e strategie finalizzate alla creazione di una rete efficiente di Hub integrati porto-hinterland nella regione ADRION (Adriatico-Ionio).
Il progetto punta a migliorare i collegamenti intermodali fra i porti marittimi dell’area Adriatico-Ionica e fra gli stessi porti e i rispettivi hinterland, in particolare favorendo l’allaccio ai corridoi della rete TEN-T mediante le reti ferroviarie. Ciò attraverso strategie di cooperazione, finalizzate a promuovere interventi di tipo infrastrutturale e di servizio fra i diversi contesti territoriali degli attori coinvolti nel progetto. ISTEN punta a qualificare i Porti di ADRION come nodi strategici per la Regione Ionico-Adriatica costruendo le strategie, una rete di cooperazione transnazionale ed un piano di azione unitario.
L’Università Mediterranea (UNIMED), con il dipartimento DIIES – Laboratorio LOGICA, è capofila del progetto che coinvolge altri 9 partner italiani e stranieri dell’area ADRION (Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica – ITL, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Porto di Koper, Autorità portuale di Salonicco, Centre for Research and Technology Hellas – CERTH, Regione di Durazzo, Porto di Bar, Camera di commercio e dell’industria della Serbia, Autorità Portuale di Sibenik ).
Il Progetto, avviato il 1 dicembre 2017, sta per concludersi e giorno 25 novembre 2020 si terrà la Conferenza finale per condividere i risultati e gli output di tre anni di cooperazione per promuovere la realizzazione di una rete efficiente e sostenibile di hub port-hinterland nella Regione ADRION.
L’evento si svolgerà online a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.
Lo stesso giorno si terrà un workshop transnazionale online con i responsabili politici europei e i principali stakeholders per una discussione circa il futuro della cooperazione nel settore dei trasporti nell’area ADRION e in Europa.
Auguri per tutto il Sud/Italia, Sicilia compresa (con il ponte sullo Stretto a “continentalizzare” la Sicilia).