Una convenzione per certificare le recensioni nei musei attraverso la startup TBoxChain, che ha ideato un sistema di certificazione delle recensioni.

E’ quanto ha sottoscritto il polo museale della Basilicata e che, già da oggi, in 9  musei e luoghi della cultura afferenti il Polo [MATERA, Museo di Palazzo Lanfranchi e Museo Archeologico Nazionale Domenico Ridola; POTENZA, Museo Archeologico Nazionale della Basilicata Dinu Adamesteanu; VENOSA, Museo Archeologigico Nazionale; MELFI, Museo Archeologico Nazionale del Melfese Massimo Pallottino, GRUMENTO NOVA, Museo Archeologico Nazionale dell’Alta Valle dell’Agri; METAPONTO, Museo Archeologico Nazionale; POLICORO, Museo Archeologico Nazionale della Siritide; LAGOPESOLE, Castello federiciano] è possibile trovare una “scatola magica”, la TBox, che connette di fatto il mondo reale al mondo digitale, attraverso un’app che contribuisce a generare trasparenza, reputazione e affidabilità ad un intero sistema. In questo modo, ogni recensione del visitatore sarà certificata.

Il 2018 è stato un anno di crescita per i musei e siti archeologici statali: oltre 55 milioni di persone hanno visitato i luoghi della cultura del MiBAC, con un incremento superiore ai cinque milioni rispetto al 2017, e il 2019 sta segnando una linea di continuità con i trend positivi. Ad accrescere l’appeal degli attrattori culturali c’è l’innovazione digitale, che offre straordinarie opportunità in termini di maggiore valorizzazione, migliore conservazione, più ampia fruizione e più efficace tutela del patrimonio culturale.

Entrando in Musei e attrattori culturali per fruire di una visita, basterà avvicinare il proprio smartphone alla TBox per entrare a far parte della “community della fiducia”: un mondo in cui le recensioni sono sicure e certificate e i visitatori accumulano punti da spendere sul circuito turistico-culturale; un modo per distribuire meglio le visite tra le mete più note e quelle più sconosciute, contribuendo a valorizzare le destinazioni minori. Il progetto, che nel 2018 si è aggiudicata il Premio FactorYmpresa Turismo, il programma promosso dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali e gestito da Invitalia, è oggi realtà e il Polo Museale della Basilicata, primo in Italia a sperimentare questo percorso tecnologico, è in grado di rendere l’esperienza museale ancora più originale, digitale e interattiva, promuovendo l’innovazione culturale grazie a sinergie e progetti all’avanguardia.