Sergio Rubini e Giuseppe Ranoia, due nomi eccellenti che concluderanno,  con due appuntamenti di spessore la rassegna “Vivi Heraclea” realizzata all’interno de “Il cammino di Policoro” dall’associazione I colori dell’anima in collaborazione con il Comune di Policoro, il Polo Museale, la Soprintendenza della Basilicata, e il Museo di Policoro.

Sergio Rubini, attore, drammaturgo, regista e sceneggiatore, sarà il protagonista, Mercoledì 28 dicembre, alle ore 20.30,  del suo nuovo recital “SUD” di cui è autore e interprete, sulla colonna sonora scritta da Michele Fazio. L’iniziativa si svolgerà nei suggestivi ambienti del Museo della Siritide.

“Sud” è uno spettacolo ironico e coinvolgente, in cui l’artista racconta lo spirito e la cultura del Meridione d’Italia, da una citazione dai “Persiani” di Eschilo all’infanzia di Matteo Salvatore all’icastico ritratto di “Vincenzo De Pretore” di Eduardo De Filippo, tra il ricordo del padre capostazione, amante del teatro e della poesia, e le rime in vernacolo di Giacomo D’Angelo. Uno spettacolo sobrio ed essenziale per un ritorno alle origini del teatro, fra arte della narrazione e potere evocativo delle parole e delle note, un ideale itinerario lungo i binari con le fermate alle varie stazioni per riscoprire il fascino e la storia delle regioni del Mezzogiorno d’Italia.

Si continua venerdì 30 dicembre,  sempre  al Museo archeologico nazionale della Siritide, con “Ghenesis”, un reading musicale ideato per l’occasione dall’attore e regista Giuseppe Ranoia. L’appuntamento è per  le  ore 18.30.

In scena Ranoia e l’Ensemble teatro Instabile in  un percorso su testi del ciclo troiano, ma anche una riflessione sulla guerra prendendo spunto da Simone Weil e da altre suggestioni letterarie che individuano nella forza la protagonista dell’epopea degli eroi di Troia. “Forza – chiarisce Giuseppe Raonoia- intesa come energia propulsiva che fuoriesce dall’uomo ma a cui l’uomo finisce per assoggettarsi”.  Le musiche saranno create in una jam session con  Roberto Patano,  valente chitarrista.

Alle  19, il testimone passa al pianista  Alessandro Vena che, in giro per il mondo con una fortunata tournée all’estero, torna nella sua Lucania  con un concerto dal repertorio coinvolgente e raffinato. Il maestro Vena  nel suo “Piano recital” eseguirà musiche di Debussy (Claire de lune pour le piano), Mozart (Sonata in La Maggione KV 331), Chopin (Valzer in Mi b Maggiore Op. post, Notturno in Do Minore Op. post, Studio in Do Minore Op. 10 n.12).