Giovedì 3 giugno 2021 alle ore 17,30, il Centro Carlo Levi di Matera in collaborazione con l’Associazione per la Storia Sociale del Mezzogiorno e dell’Area Mediterranea, organizza il Seminario on-line su “Levi, Scotellaro, Mazzarone, Rossi-Doria e l’impegno meridionalista”.
L’iniziativa s’inserisce nei programmi culturali del Centro materano e nelle attività scientifiche dell’Associazione, che associa storici lucani, campani e pugliesi impegnati in studi e ricerche sulla storia della società meridionale nei suoi vari aspetti.
Il Seminario nasce dalla volontà di far emergere in una prospettiva storica, il profilo politicointellettuale e culturale di quattro personalità illustri della storia italiana del Novecento, che hanno contribuito a promuovere processi di sviluppo nel Mezzogiorno d’Italia sulle ceneri del secondo conflitto mondiale e di vent’anni di fascismo.
L’attenzione da essi posta verso le popolazioni del Sud, sempre inserita in una visione aperta ai più ampi contesti socio-culturali e condotta con studi e interventi pluridisciplinari in rispondenza della complessità di una società in forte evoluzione, traeva origine dall’antifascismo e dal successivo impegno politico-intellettuale nell’Italia postbellica, in cui il dibattito sulla “questione meridionale”, rimossa e negata dal regime, tornava a porsi all’attenzione come questione fondamentale della nazione.
Alla luce dei risultati dei più recenti studi sul tema, saranno illustrate le modalità attraverso cui Levi, Scotellaro, Rossi-Doria e Mazzarone, accomunati da una persistente progettualità meridionalistica e da una tessitura di rapporti reciproci, hanno fornito il loro apporto alla questione rurale, a quella del lavoro e della sanità, alla lotta contro l’analfabetismo, alla costruzione di una democrazia sempre più partecipata, alla salvaguardia dei valori del mondo contadino di fronte ai
processi di modernizzazione e industrializzazione degli anni Cinquanta e Sessanta.
Il Seminario, introdotto dai saluti dell’arch. Lorenzo Rota, presidente del Centro Levi e del prof. Bruno Pellegrino, presidente dell’Associazione per la Storia Sociale del Mezzogiorno e dell’Area Mediterranea, sarà coordinato dal prof. Giampaolo D’Andrea.

Gli interventi saranno tenuti dalla prof.ssa Pia Maria Digiorgio, alla quale è affidato l’inquadramento storico (“La Basilicata tra fascismo e secondo dopoguerra”), dalla prof.ssa Carmela Biscaglia che tratterrà il tema “Carlo Levi
e Rocco Scotellaro: l’impegno politico-culturale”, dal prof. Salvatore Lardino che illustrerà il rapporto tra “Rocco Scotellaro e il movimento per la terra in Basilicata”, dal prof. Giuseppe Maria Viscardi che si soffermerà su “Carlo Levi e il Cristo si è fermato a Eboli”, e dalla prof.ssa Agnese Sinisi, che toccherà il legame tra “Rocco Mazzarone e Manlio Rossi-Doria”.

Le conclusioni saranno affidate al prof. Giampaolo D’Andrea.
L’Associazione per la Storia Sociale del Mezzogiorno e dell’Area Mediterranea è un istituto scientifico che opera in Basilicata fin dagli anni Ottanta in prosecuzione degli indirizzi del “Centro studi per la storia del Mezzogiorno”, fondato da Gabriele De Rosa. Ha al suo attivo importanti pubblicazioni, tra cui i quattro volumi della “Storia della Basilicata”, curati da Gabriele De Rosa e Antonio Cestaro per le edizioni Laterza. Tra i suoi numerosi convegni di studio, si ricorda quello su
“Società, politica e religione in Basilicata nel secondo dopoguerra. Il contributo dei fratelli Rocco e mons. Angelo Mazzarone di Tricarico” con relativa pubblicazione degli atti.

 

L’incontro si potrà seguire sulla piattaforma Google-Meet al seguente link:
https://meet.google.com/ufx-frsx-ukb