Scuola Bramante, ma quando sarà agibile? Alle famiglie degli alunni fornire notizie certe.

Scuola Bramante, ma si può sapere quando sarà agibile? Lo chiedono i genitori che devono decidere dove iscrivere i loro figli.” E’ Pasquale Doria di Matera Civica a riproporre il tema della certezza della data di consegna di questo plesso scolastico della Città dei Sassi, con una nota in cui spiega che:

Molti annunci a vuoto potrebbero minare la fiducia anche delle comunità più pazienti. Vale anche per la realtà cittadina composta da famiglie che si stringono da “esuli” intorno al destino della scuola Bramante, raminga da oltre un decennio. Annunciate più volte, si diceva, le lezioni non sono iniziate secondo i desideri condizionati da una realtà che procede al passo di esigenze concrete di cantiere. Alimentare inutili aspettative è stato un grave errore.

La scuola è ancora chiusa ma, a quanto pare, la dirittura di arrivo è ormai in vista. Per quanto, a seguito di una serie di richieste d’informazioni regolarmente protocollate, e tuttavia mai soddisfatte, dalla scuola giunge un nuovo appello. Da parte dell’Istituto si vogliono conoscere, possibilmente nei prossimi giorni, i tempi di consegna del plesso scolastico di Via Bramante.

Un’esigenza specificata in una lettera inviata all’amministrazione comunale e necessaria per organizzare al meglio l’inizio del prossimo anno scolastico 2022/2023. Anche perché, come già segnalato precedentemente, tra le altre cose, ci sono pure i fornitori che hanno urgenza di conoscere la data di consegna dei locali scolastici al fine di procedere con la consegna e l’installazione di attrezzature informatiche acquistate, tanto per uso didattico che per l’ufficio.

Ovviamente, vengono prima di ogni cosa le famiglie degli alunni, interessate a conoscere le sorti delle iscrizioni dei propri figli. Devono decidere e chiedono risposte attendibili, garanzie che i responsabili dell’Istituto, non certo per cattiva volontà, non sono in grado di assicurare.

Del resto, mancando solo due mesi all’inizio del prossimo anno scolastico, la tensione e le pressioni da parte dell’utenza, col trascorrere dei giorni, si fa sentire sempre di più.

Condizioni di difficoltà e disagio che potrebbe essere superata solamente con un’informazione puntuale sullo stato dell’arte. Si attendono notizie da via Moro.”

Related posts

Rispondi