Non avevamo dubbi. Le piccole idee, sostenute da passione, intuizione e poche risorse, ottengono grandi risultati sul piano della qualità, delle scelte e delle risposte che eventi – come il concorso fotografico indetto dalla giovane Pro Loco- hanno su Matera e per l’offerta turistico culturale.

E prova ne abbiamo avuta con la premiazione dei primi tre classificati nell’ ordine Antonio Sansone di Matera , Cristina GARZONE da Firenze con “IL MAESTRO PENTASUGLIA” e Vincenzo ADDUCI da Alessandria del Caretto (CS) con “STREET”.

Questi ultimi con cognomi della nostra terra…e che hanno colto gli aspetti ricorrenti, come Sansone, della cultura e dell’anima della “Città dei Sassi” come la festa del 2 luglio in onore della Patrona Maria Santissima della Bruna e degli antichi rioni di tufo. Ma c’è dell’altro perchè alla giuria composta dal Francesco Marano, docente Unibas, Pasquale Doria giornalista, scrittore e Antonello Di Gennaro fotografo professionale, sono giunte altre foto sopratutto da fuori regione per un concorso dal tema davvero ampio ”Matera la nostra storia, la nostra cultura, le nostre tradizioni”.

Vedremo anche quei lavori, come riferisce Claudio Rospi presidente della Pro Loco Matera ” tra storia cultura e tradizioni”, che annuncia per la fine dell’estate- probabilmente a settembre- una mostra su questi lavori.

Stiamo già pensando alla seconda edizione– aggiunge- e lavoreremo per stimolare scatti anche su altri aspetti, che sono tanti, della nostra città. Basta andare in giro, magari con le nostre puntuali informazione turistiche che offriamo tutti i giorni nel nostro infopoint di via Lucana. Perchè il turista va accolto con cortesia, prospettandogli tutte le indicazioni utili per una buona visita e permanenza. Noi lo facciamo e in questa direzione ed ecco perchè all’Amministrazione comunale di applicare le direttive turistiche di settore,che vedono le Pro Loco i soggetti da investire in questo percorso e con la cartellonistica adatta. Si continua a preferire il ”laissez faire”, per vari motivi, e poi non lamentiamoci se gli ”abitanti temporanei” segnalano questo o quel disservizio procurati da alcuni, pochi in verità, che badano solo all’aspetto economico. Non deve essere così perchè il turista deve tornare,avere un buon ricordo e fare il passaparola che è la migliore pubblicità per Matera. Ma qualcuno continua a far finta di nulla nonostante i riflettori del mondo su Matera 2019. Non possiamo permetterci figuracce, ma c’è il rischio che si verifichino. Noi continueremo a fare la nostra parte e abbiamo in animo di organizzare iniziative di accoglienza per i turisti, che contribuiscano a favorire il rapporto con i cittadini anche nei quartieri. Diremo ogni cosa a tempo debito, a cominciare dall’assemblea dei soci che terremo a febbraio”.

La Pro Loco ha preparato una cartolina (accanto a quelle sui Sassi) di “benvenuto” per i turisti, da ritirare con la cortesia e l’efficienza di sempre presso la sede di via Lucana. A pochi metri dal Castello Tramontano e a due passi dal centro e dall’ingressso al Sasso Caveoso.