Sagome………..bianche, fredde, immobili. Scarpette rosse contro  le violenze subite. Eppure avrebbero potuto scappare.  Dall’inizio dell’anno oltre ottanta donne sono state uccise in Italia per mano di mariti,conviventi o ex.   Basta fare le sagome.  Da ora in poi , “NON UNA DI MENO”, così come recita lo slogan dell’iniziativa organizzata dal Collettivodonnematera, in occasione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne del 25 novembre, organizza a Matera una Campagna di sensibilizzazione per contrastare la Violenza sulle Donne, in collaborazione con le associazioni “Khaleh”,  “RiSvolta”, “La Spada nella Roccia”, e con il  prezioso contributo di Giusi Zaccagnini.

É dal 1999 che l’Assemblea delle Nazioni Unite ha stabilito che in questa data si concretizzassero  attivitá ed iniziative tese ad eliminare la violenza maschile sulle donne.

 Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica, le attivitá di quest’anno prevedono: l’installazione delle sagome femminili, a grandezza naturale,che sono state sistemate lungo le vie del centro storico a partire dal 17 novembre e che evocano le donne uccise nel 2016; azioni civili in piazza Vittorio Veneto nel pomeriggio del 25 novembre e nelle giornate del 25, 26 e 27 novembre, presso l’Ipercoop di Matera ( strada statale per Altamura), oltre all’installazione delle sagome femminili, ci sarà uno spazio aperto con le azioni e le improvvisazioni coordinate da Giusi Zaccagnini.

  Le sagome femminili saranno poste davanti alle attivitá commerciali ed artigianali di Via Ridola, P.zza San Francesco, P.zza del Sedile e Via delle Beccherie, dagli esercenti che le hanno “adottate” ed ai quali va un doveroso ringraziamento per la sensibilitá accordata.

Perché la violenza sulle donne non é certamente un fatto privato ma una reale lacerazione culturale.

buio

 Nel pomeriggio del 25 novembre con il Liceo Artistico “C. Levi” prenderâ  forma un’azione civile alla quale potranno partecipare, volontariamente e liberamente, gli studenti dell’ I.I.S. ” I. Morra” e ” L. da Vinci”. coordinati da Giusi Zaccagnini.

L’Ipercoop di Matera con la campagna “Noi ci spendiamo, e tu?” sosterrá le ONLUS che operano in difesa delle vittime di soprusi e maltrattamenti.

     Il Collettivodonnematera, assieme alle altre associazioni, ritiene che sia necessario contrastare  in maniera decisa i comportamenti che alimentano il femminicidio, con programmi educativi nelle scuole e con servizi di ascolto ed accoglienza.

Occorre partecipare, essere in tanti alla giornata del 25 novembre in piazza Vittorio Veneto e

l’Ass.ne RiSvolta invita anche ad iscriversi a seguire la la manifestazione, il giorno seguente a  Roma previa prenotazione.

locandina-de-f