Anche l’occhio vuole la sua parte e quando compaiono rughe, screpolature e altre ‘’incrinature’’ e allora occorre intervenire e presto. Ne va della bellezza espressiva…Parliamo del Palazzo dell’Annunziata che a Matera ospita oltre al cinema comunale, il Basilicata Open space dell’Apt soprattutto il corposo patrimonio librario, documentale, artistico della biblioteca provinciale ‘’ Tommaso Stigliani’’. A sollevare la questione ancora una volta, dopo la segnalazione sullo stato delle funzioni, trattato nel servizio
https://giornalemio.it/cronaca/e-la-biblioteca-stigliani-che-assordante-silenzio/, Antonio Serravezza che ha invitato ad accedere a fondi nazionali. Naturalmente servono progetto e programmazione. Occhi e orecchie aperti. Palazzo e Biblioteca devono avere un futuro e con supporto culturale di qualità.

L’INTERVENTO DI ANTONIO SERRAVEZZA
Non mi piace essere ripetitivo ma in questo caso lo faccio volentieri sperando che chi deve intervenire si ricordi che il complesso dell’enorme Palazzo dell’Annunziata, edificato nel 1735 come si legge sull’ architrave di uno degli ingressi, è stato restaurato un quarto di secolo fa (1993) e che per la sua vecchiaia ha la necessità di un make-up immediato prima che abbia maggiori criticità.
Guardate la facciata di fronte a piazza Vittorio Veneto ha le sembianze di un vecchio abbandonato. Questo è ciò che vediamo noi dall’esterno ma esistono criticità molto importanti all’interno e nella parte superiore da dove filtra acqua piovana nell’ultimo piano della biblioteca.
Ricordo che nel secolo in corso ci fu un piccolo intervento solo sul cornicione anteriore dove è posizionato l’orologio che fu aggiunto nei primi anni del ‘900.
Concludo dicendo che un intervento importante e complessivo dell’intera struttura è urgentissimo e che dovrebbe essere messa in testa ai tanti lavori che si dovranno affrontare per la città e il suo territorio.

N.b Foto di Franco Antodaro