Si apre, da oggi, una nuova pagina per una platea molto rilevante di precari della sanità lucana che accedono alla possibilità di essere stabilizzati. Sono stati, infatti, approvati oggi in Parlamento gli emendamenti con cui diventa concreto il nostro impegno per rafforzare il Servizio Sanitario e dare risposte a chi, ogni giorno, lavora per prendersi cura della nostra salute”.

E’ quanto ha dichiarato Carlo Rutigliano di Articolo Uno che aggiunge:
Nello specifico, l’emendamento consente di estendere al 31 dicembre 2019 il termine per maturare i requisiti previsti dalla Legge Madia, che prevede la possibilità per le amministrazioni di assumere a tempo indeterminato fino al 31 dicembre 2022, ma limitava al 30 giugno 2019 la possibilità per i precari di aver ottenuto quanto serve per essere stabilizzati.”

E’ approvato anche lo scorrimento delle graduatorie a favore degli idonei.” – prosegue Rutigliano – “Quello raggiunto è senza dubbio un traguardo importante per il San Carlo, i suoi lavoratori e per tutta la sanità lucana. Articolo Uno, attraverso l’impegno del Ministro Speranza, sta lavorando su più fronti per superare, da un lato, il problema della carenza del personale e, dall’altro, la precarietà di chi lavora nelle nostre strutture. Molto c’è ancora da fare, ma finalmente ci sono più risorse, meno vincoli e nuove regole per assumere in Sanità.”

Speranza per piccoli, ma significativi miglioramenti della sanità