mercoledì, 28 Settembre , 2022
HomeCronacaRoghi a Pisticci e a Pomarico. Si è rischiato grosso

Roghi a Pisticci e a Pomarico. Si è rischiato grosso

Alte temperature, il vento che ostacola gli interventi delle squadre dei vigili del fuoco e dei volontari e ”fronti” di fuoco che si ripropongono da giovedì scorso a Pisticci, sopratutto, e a Pomarico che hanno visto andare in fumo decine di ettari di vegetazione nei comprensori. E si è rischiato davvero grosso anche per la incolumità della gente, tanto da indurre il sindaco del Comune di Pisticci Domenico Albano a disporre l’evacuazione, in via precauzionale, di 150 concittadini, nella zona del quartiere di Camarelle.

Fiamme che hanno colpito l’area dell’ex mattatoio, poi di Terravecchia. I ripetuti lanci di acqua di canadair hanno bloccato le fiamme, con una azione sinergica a terra di uomini e mezzi coordinati dal comandante provinciale ing, Maddalena Lisanti. Ma non si abbassa la guardia, perchè gli incendi possono riattivarsi e procurare altri danni.

Situazione preoccupante anche a Pomarico con il bosco della Manferrara e la zona di San Lorenzo in fiamme, verso Montescaglioso. Per il sindaco Francesco Mancini, alle prese con il problema della voragine sulla quale si sta intervenendo, le fiamme sono state una preoccupazione in più. Occhi aperti.

L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE BARDI
INCENDI PISTICCI E POMARICO, BARDI COMUNICA LA SITUAZIONE

Il Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, in qualità di Capo della Protezione Civile regionale comunica la situazione in merito agli incendi che stanno interessando Pisticci e Pomarico. “La situazione, monitorata in stretto contatto con i sindaci – comunica Bardi – è in via di miglioramento ma non sappiamo se entro il tramonto il fuoco potrà considerarsi spento. Il quadro sarà tenuta sotto controllo dalle squadre del Consorzio di bonifica e dei Vigili del Fuoco e dei Carabinieri forestali. Domani mattina alle ore 6, orario per poter mandare in volo gli aerei, il Direttore delle operazioni di spegnimento potrà valuterà se chiedere al Centro Operativo Aereo Unificato presso la Protezione Civile Nazionale (C.O.A.U) che gestisce tutta la flotta aerea nazionale, ulteriori velivoli da mandare sulla zona del dell’incendio. Fino ad ora sono stati effettuati 65 lanci su Pisticci e 40 su Pomarico.

Sono stati utilizzati 5 velivoli, di cui tre canadair Can 14, Can 31 e Can 27 e due elicotteri, un Nuvola rossa Ericsson con gittata di circa 9000 litri di acqua e un Drago 119. La Sala operativa della Protezione Civile regionale, che sarà presidiata anche in nottata, ha coordinato oggi circa 80 persone, di cui 8 squadre per Pomarico e 7 squadre per Pisticci. A Pisticci sono circa 35 gli operatori tra dei Vigili del Fuoco, Consorzio di bonifica e volontari. 8 solo le squadre su Pomarico. Sono state evacuate in via cautelare dal sindaco di Pisticci circa 150 persone. La sala operativa regionale – conclude Bardi – è presidiata da 3 funzionari regionali, 3 vigili del fuoco un carabiniere forestale e due volontari di Protezione Civile. Solo nella giornata di oggi sono stati gestiti dalla circa 25 incendi”.

RELATED ARTICLES

Rispondi

I più letti