Il movimento ” Riscatto” torna in piazza, con una giornata di mobilitazione sulla costa jonica a Metaponto, alle Tavole Palatine, il 3 marzo , preparandosi per tempo con una serie di incontri e di assemblee che confermano quanto sia elevata la temperatura nel mondo agricolo. I problemi, vecchi e nuovi sono tutti là, le risposte non arrivano o sono a metà e il clima non è dei migliori, a cominciare dall’Unione Europea sempre più lontana dalle richieste e dalle specificità dell’area mediterranea e con gli effetti della globalizzazione che vedi il monopolio della grande industria. Gianni Fabbris, e non solo lui, ha tenuto un primo incontro a Matera con agricoltori di Puglia e Basilicata, presso la sala consiliare della Provincia di Matera, in vista del 3 marzo e sarà a Taranto, Altamura nei centri dell’interno per favorire il massimo della partecipazione per quella data. “La manifestazione del 3 marzo – è scritto in una nota- ha una piattaforma che parte dalle richieste presentate a parlamento, regioni e governo per affrontare il vero e proprio terremoto che si è abbattuto con il gelo e la neve nelle campagne del mezzogiorno ma si estende ad altri punti critici che richiedono interventi urgenti da parte delle istituzioni e della politica. Nella giornata di domani (25 febbraio) verranno diffusi la piattaforma e i dettagli della manifestazione del 3 febbraio che sarà un corteo di mezzi con concentramento alle Tavole Palatine di Metaponto e un percorso che terminerà in Puglia. Sulla vicenda delle Alluvioni e delle Calamità seguirà un incontro a Potenza con il Presidente Pittella nella Sala Inguscio lunedì mattina 6 marzo e entro pochi giorni un secondo in Puglia cui abbiamo richiesto la presenza al Presidente Emiliano. ”Riscatto” sempre in movimento e con le idee chiare sul che fare.

LA BOZZA DI DISCUSSIONE DEL 3 MARZO

Discutiamo e decidiamo sulle iniziative del Movimento Riscatto per i prossimi mesi e in particolare:

a) Vertenza sulla gelata e sulle calamità. 
Dopo le iniziative delle scorse settimane e gli incontri in corso con le istituzioni, prepariamo la mobilitazione in strada fra il 3 e il 4 marzo 2017. La manifestazione interregionale si terrà fra puglia e Basilicata in occasione dell’anniversario dell’alluvione del marzo 2011. 
Sei anni, 3 alluvioni, la frana, la gelata e la neve, 7 morti, centinaia di milioni di euro di danni …. pochissime risposte.
Il Movimento Riscatto, insieme ad Altragricoltura, Comitato TerreJoniche,Rete Municipi Rurali e altri movimenti ha presentato una serie di proposte che sta portando ai tavoli di Regioni, Parlamento e Governo in questi giorni.
LA MANIFESTAZIONE SARA’ IL MOMENTO IN CUI CHIAMIAMO A SCENDERE IN STRADA PER CHIEDERE RISPOSTE E SOSTENERE LO SFORZO DELLA TRATTATIVA

b) Mobilitazione e campagna sulla cerealicoltura e il grano
Dopo che circa un anno fa (il 4 febbraio scorso) abbiamo posto la questione della crisi del grano e il suo intreccio con la salute e l’interesse dei cittadini e dei produttori e dopo oltre un anno di lavoro e preparazione, il Movimento Riscatto torna in campo con un mese di mobilitazione straordinaria fra il 14 marzo e il 14 aprile.
La mobilitazione avrà il suo punto finale con un Seminario nazionale di due giorni concluso da una manifestazione aperto a tecnici, ricercatori, economisti, agronomi, associazioni dei consumatori e di cittadini, organizzazioni e imprese agricole, istituzioni e rappresentanti politici.
L’obiettivo della due giorni (che viene dopo un mese di diverse iniziative nei territori) è quello di:
– Lanciare una campagna nazionale di informazione e controinformazione sul grano
– Rinsaldare l’alleanza fra Movimenti, Agricoltori e Consumatori 
– Lanciare le iniziative per chiedere alle istituzioni europee, nazionali e regionali il cambio delle misure che colpiscono il territorio, i cittadini e i cerealicoltori e l’introduzione di norme di tutela
– Sostenere i processi e le pratiche positive di produzione/trasformazione/commercializzazione/consumo del nostro grano duro 

3) Petizione e iniziative sui Consorzi di Bonifica
Diverse sono le iniziative sia in Puglia che in Basilicata che i Consorzi di Bonifica. In Basilicata è in corso una mobilitazione per chiedere la trasparanza e la democratizzazione dei consorzi di bonifica e, in particolare, per scongiurare che gli agricoltori debbano pagare 7 milioni di euro di debiti contratti dal Consorzio di Bonifica con il contributo EIPLI.
Stiamo preparando ulteriori iniziative e chiedendo l’apertura alla regione di un tavolo di confronto insieme ai sindaci dei comuni coinvolti per trovare soluzioni che non pesino sulla crisi delle aziende che non possono ulteriormente essere gravate
All’incontro di venerdi verranno illustrate le proposte e definito il calendario delle iniziative e le forme dell’intervento.

4) Contro lo sciacallaggio, la crisi, il blocco dei pagamenti AGEA, occorrono misure straordinarie come la moratoria. Mentre la crisi continua a mordere nelle campagne nonostante le rassicuranti dichiarazioni della Coldiretti e dei rappresentanti politici che ne condividono scelte e pratiche, nelle campagne aumenta la pressione di sciacalli di ogni genere (speculatori, usurai, compratori all’asta più o meno organizzati, estorsori e organizzazioni mafiose).
E’ arrivato il tempo di chiedere tutele e garanzie per chi lavora la terra e per i cittadini che vivono nelle aree rurali.
In particolare in Sicilia il movimento Riscatto è impegnato in una delicata e importante iniziativa di contrasto alle mafie ed allo sciacallaggio cosi come fra Puglia e Basilicata numerose sono le iniziative in corso. Il movimento discuterà la proposta di assumere una iniziativa forte rivolta alla società ed alla politica per rivedere la legislazione e le tutele per le vendite all’asta e per ottenere che magistratura e istituzioni aprano i riflettori su quanto sta accadendo

5) Convocazione dell’Incontro Nazionale dei Movimenti Rurali
Il Movimento Riscatto è nato con l’obiettivo di promuovere le migliori condizioni nelle aree rurali per il cambiamento e la nascita di nuove forme di organizzazione e rappresentanza capaci di dare voce agli agricoltori ed ai consumatori.
Per questo obiettivo, che appare sempre più urgente e improcrastinabile, il Movimento Riscatto si è assegnato il compito di lavorare entro il 2017 con la proposta di dare vita ad una Costituente per l’Unità fra agricoltori, associazioni e cittadini.
Nelle riunioni che il Coordinamento del Movimento Riscatto ha tenuto nelle ultime settimane si è avanzata e definita la proposta di lanciare un appello per tenere un Incontro Nazionale aperto a quanti vorranno raccogliere l’appello entro i primi del mese di Giugno 2017 in modo da valutare la possibilità di dare vita alla Costituente.
Al centro dell’appello per dare vita alla Costituente vi è un pacchetto di proposte su campagne e iniziative comuni con una prima proposta di dare vita dal 17 aprile (giornata internazionale di lotta contadina proposta da Via Campesina) ad una forte campagna contro i trattati di libero scambio (a partire dal CETA) che stanno distruggendo le economie rurali e consegnando l’agroalimentare sempre di più nelle mani della speculazione commerciale e finanziaria e le multinazionali.

TUTTE LE DATE DEGLI APPUNTAMENTI FINO AL 3 MARZO
– venerdi 24 febbraio provincia di Matera assemblea del Movimento Riscatto
– sabato 25 febbraio – Taranto. Una delegazione partecipa alla Manifestazione in mattinata per Taranto
– sabato 25 febbraio – Bitonto, cinema multisala Ciaky una delegazione partecipa all’assemblea degli agricoltori sul caporalato
– sabato 25 febbraio – Montalbano J ore 18.30 sala consigliare – Assemblea sul Consorzio di Bonifica e il contributo EIPLI
– domenica mattina 26 febbraio Bernalda – riunione del Comitato TerreJoniche
– domenica sera 26 febbraio ore 18 Policoro, sala parrocchiale della chiesa madre in P.zza Eraclea – Assemblea sulla crisi e sulla gelata
– lunedi mattina 27 febbraio – potenza riunione tecnica con le strutture regionali per i provvedimenti sulle alluvioni
– lunedi pomeriggio 27 febbraio – Castellaneta agriturismo “Tocchi di Puglia” assemblea organizzativa con gli agricoltori sui danni da gelata
– martedi mattina – Bernalda Riunione dell’esecutivo di Altragricoltura sul tema del mancato pagamento delle somme da parte di Agea