La canzone di Mina ha oltre mezzo secolo ma è sempre di moda, perchè le bande da giro con marce, inni, fiati, tamburi e grancassa, uniformi e lustrini, talvolta precedute dalle majorettes alla fine animano piazze, strade e città come Matera capitale europa della cultura 2019. E sabato 19 gennaio per la giornata inaugurale – con gli inni alla Cava del Sole e la gran parata di 2000 musiciti guidati dalle bande di Matera e Plovdiv- gli squilli di tromba,e non solo, risuoneranno in 12 rioni per piazze e strade della città. Nell’ordine Ad Acquarium ( L’Arco) in piazza Vivaldi alle 10.30 toccherà alla banda di Kosice 2013 (Slovacchia), al borgo La Martella la fanfara del leggendario 7° Reggimento Bersaglieri, a Serra Rifusa presso la parrocchia Maria Madre della Chiesa banda Pafos 2017(Cipro) ospitata a Rionero in Vulture. Al rione Villa Longo presso Associazione Anziani Uniti la banda di Essen 2010( Germania) ospitata a Pisticci, al rione San Pardo presso Guinness Pub la banda di Leeuwarden 2018(Olanda) ospite ad Atella, a Piccianello presso la scuola primaria ”G.Marconi” suonerà il complesso orchestrale di Turku 2011 (Finlandia) ospitata a Oppido Lucano. Al quartiere Spine Bianche presso parrocchia San Pio X di scena la banda di Novi Sad 2021 (Serbia) ospite a Salandra, al rione Serra Venerdì presso la scuola primaria ”Pascoli” del plesso Nitti la banda di Galway 2020 (Irlanda) ospite a Genzano. A Lanera presso la scuola primaria di Padre Giovanni Semeria è di scena la banda di Pecs 2010Ungheria) ospitata a Nova Siri, al rione Cappuccini presso la Caritas ci sarò la banda di Kosice 2013, ad Agna Le Piane suonerà la banda di Plovdiv 2019 (Bulgaria) ospitata a Potenza, al rione San Giacomo presso la scuola Bramante di piazza degli Olmi ci sarà la banda di Eleusi 2021 (Grecia) che sarà ospitata a Colobraro. Domenica 20 gennaio i concerti dei 39 complessi nei Comuni della Basilicata. E in tutto questo musicale consesso non potevo dimenticare l’orchestra di fiati ” Rocco D’Ambrosio” di Montescaglioso, diretta dal maestro Giovanni Pompeo, che ha suonato in Bulgaria a Plovdiv , il 12 gennaio scorso, in occasione della giornata inaugurale per l’anno di capitale europea della cultura 2019.

OPEN THE FUTURE!

Cerimonia inaugurale Matera Capitale Europea della Cultura La Basilicata conta 131 comuni, la maggior parte dei quali ha una propria banda marciante. La cerimonia d’inaugurazione di Matera Capitale Europea della Cultura nel 2019 recupererà questa grande tradizione musicale meridionale, dando vita nelle strade di Matera a una straordinaria festa di paese di dimensioni inedite in cui l’intera città risuonerà di musica e luce.
Per questo evento straordinario non soltanto l’intera regione Basilicata sarà a Matera, ma Matera sarà l’Europa: infatti le capitali europee della cultura arriveranno a Matera rappresentate dalle proprie bande marcianti.
Dal mattino le bande musicali provenienti da tutta la regione e dall’Europa animeranno la città, giungendo a piedi con i propri strumenti. Convergeranno attraverso le grandi direttrici viabilistiche da nord, sud, est e ovest, dalla Murgia e perfino salendo lungo la Gravina.
Saranno più di duemila i musicisti che attraverseranno i quartieri della città (Spine Bianche, Serra Venerdì, La Martella, Serra Rifusa) e raggiungeranno i rioni accolti dagli allestimenti che i cittadini insieme agli studenti delle scuole avranno realizzato ad hoc. Seguirà un intenso momento di scambio e relazione: un pranzo conviviale di quartiere organizzato per ogni piazza e animato da famiglie, bambini, cittadini.
Al calare del sole gli orchestrali convergeranno infine sui Sassi, ognuno suonando il proprio repertorio, finché ogni vicolo del Sasso Barisano e Sasso Caveoso non sarà saturo di note. La città antica risuonerà di frammenti di brani e spezzoni musicali disconnessi, con una vera e propria jam session. I Sassi luccicheranno al lume di candela, con gli elementi luminosi preparati dai cittadini attraverso il progetto Social Light.
Grazie al partenariato con la Rai, alle ore 19 inizierà la diretta televisiva che seguirà tutto il concerto musicale coordinato da un Maestro d’eccezione; alle 20:00, il TG1 trasmetterà le parole di apertura della manifestazione affidate al Presidente della Repubblica. Il concerto proseguirà con le performance di artisti noti a livello nazionale ed internazionale che si esibiranno in diverse piazze della città, diffondendo la cerimonia a macchia d’olio in ogni strada, vicolo, piazza e cortile.
La cerimonia inaugurale non si esaurirà nei soli confini comunali di Matera e non terminerà il 19 gennaio, ma risuonerà in scala differente in tutta la regione Basilicata: il giorno seguente all’inaugurazione, 20 gennaio, ogni banda lucana ospiterà nel proprio comune una banda straniera con cui animare insieme il centro del paese, attraverso un concerto di piazza.
La Basilicata conta 131 comuni, la maggior parte dei quali ha una propria banda marciante, un vero e proprio presidio culturale del territorio. Per suonare in una banda bisogna conoscere lo strumento, avere sapienza musicale da condividere con gli altri suonatori. Bisogna accordarsi, aderire alla realizzazione di un opera comune.
La cerimonia d’inaugurazione di Matera Capitale Europea della Cultura nel 2019 recupera questa grande tradizione musicale del meridione, dando vita nelle strade di Matera a una straordinaria festa di paese di dimensioni inedite in cui l’intera città risuona di musiche e di luci.
Per questa grande festa l’intera regione Basilicata arriva a Matera e Matera accoglie l’Europa: le capitali della cultura da tutto il continente arriveranno rappresentate dalle proprie bande marcianti.

IL PROGRAMMA

01_Open Sounds
Cava del Sole ore 10:00 dalle ore 9:00 apertura di tutti gli spazi della Cava
Tutti i cittadini sono invitati all’inaugurazione della Cava del Sole con le musiche e gli inni di tutta Europa. A seguire la presentazione del programma ufficiale e l’apertura del nuovo spazio polifunzionale.

02_Open City Rioni di Matera Dalle ore 13:00 Rione La Martella (scuola Semeria plesso di La Martella), Rione Serra Rifusa (locali Maria Madre della Chiesa), Villa Longo (sede associazione Anziani Uniti di Matera), San Pardo (Guiness Pub), Piccianello (Scuola Elementare Marconi), Spine Bianche (locali parrocchia S. Pio X), Serra Venerdì (Scuola Pascoli plesso di Via Nitti), La Nera (Scuola Elementare La Nera), Cappuccini (caritas), Agna-Lepiane (Casino Padula), San Giacomo (scuola piazza degli Olmi), Aquarium.

I musicisti animano Matera e vengono accolti dai cittadini nei Rioni della città in un grande momento conviviale. La città si fa casa: l’intera cittadinanza accoglie le bande e apre le porte di abitazioni, scuole, parrocchie, sedi di associazioni.

03_Open Lights
Sasso Barisano, Sasso Caveoso e Piazza del Duomo Dalle ore 16:30 Al calare del sole il Sasso Barisano, come una meteora, riluce di migliaia di lumini; da Piazza Duomo risuonano le voci di due cori polifonici; nel Sasso Caveoso le installazioni tecnologiche di Lumen/Social Light fanno da contrappunto.

04_ Open Show San Pietro Caveoso Dalle ore 19:00 – 19:55
Le bande si esibiscono coordinate da un maestro concertatore d’eccezione. Durante la diretta Rai, sul palco si alternano ospiti nazionali e internazionali.

05_Open Future Via Ridola- via del Corso – Piazza Vittorio Veneto – Piazza San Pietro Caveoso Dalle ore 20:00 alle 24:00
Lo spettacolo si propaga dai Sassi nei vicoli, nelle strade, in cielo e nei locali, con performance di artisti nazionali e internazionali. La gran parata di 2019 musicisti sfila per le vie della città: da via Ridola, a via Del Corso, fino a Piazza Vittorio Veneto e a tutti i locali della città.