Ci sono cose che fortunatamente il Covid non ha fermato. Tra queste la lettura occupa sicuramente un primo posto. E così, in questi giorni, l’associazione culturale Energheia comunica che è in corso la lettura dei racconti pervenuti alla segreteria del premio nelle sue varie sezioni, da parte del nutrito e composito comitato di lettura on line, composto da oltre ottocento persone.

Il comitato dovrà designare i primi dieci racconti per il Premio letterario Energheia, per le due sezioni del premio, under 21 anni e oltre; i primi dieci per la sezione I brevissimi di Energheia D.Bia – sul tema “Azzurro”, uno dei sette colori dell’iride; e il vincitore della sezione Energheia Cinema, soggetto per un cortometraggio.

Accanto alla selezione dei testi italiani è iniziata anche la selezione dei testi in lingua originale provenienti da diversi Paesi europei, quali FranciaSpagnaSlovenia e quest’anno con una novità, la presenza della Germania. L’iniziativa europea vede la collaborazione di Ambasciate, Istituti di Cultura, Università e Associazioni di scrittori dei diversi Paesi coinvolti e che nonostante la crisi pandemica, dovuta al Coronavirus, non ha fermato la macchina organizzativa.

Alto il numero di partecipanti al Premio, oltre cinquecento autori, provenienti da ogni parte d’Italia, in gran parte donne, con una età media intorno ai 27 anni, che hanno voluto cimentarsi in questa competizione che vede come premio finale – per la narrativa – la pubblicazione dei racconti finalisti in una antologia pubblicata e diffusa presso le principali biblioteche e Scuole superiori della Penisola, cui si accompagna, la trasformazione in suoni ed immagini di uno dei racconti finalisti, ovvero in un cortometraggio.