Era stato ampiamente annunciato e per il ponte pasquale l’Italia, a causa delle disposizioni anticovid, resterà in zona rossa. La Polizia di Stato, pertanto, insieme alle altre forze dell’Ordine rafforzerà i controlli su strade, aree pic nic o di svago. Le disposizioni sono chiare ed è opportuno informarsi per tempo, per non incorrere in sanzioni. Polizia sempre vigile e in aiuto dei più deboli, come è capitato per una anziana signora , prontamente soccorsa dopo essere caduta in casa.Una presenza continua, quella della Polizia di Stato, a 40 anni dalla Riforma che ha ricordato l’evento con interventi di rilievo diffusi su scala nazionale.

Comunicato Stampa

Intensificati i controlli di polizia in occasione delle festività pasquali

Per fronteggiare l’emergenza “Coronavirus”, in occasione delle prossime festività pasquali su tutto il territorio nazionale nei giorni di sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 aprile prossimi si applicheranno le restrizioni previste per le zone rosse, secondo quanto stabilito dalle ultime disposizioni governative.

Per tali giorni, come disposto dal Ministero dell’Interno e in ottemperanza alle direttive impartite dal Prefetto e condivise in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, il Questore di Matera ha intensificato i servizi di controllo in questo ambito provinciale allo scopo di vigilare sull’attuazione delle misure volte a contrastare la diffusione del virus SARS-CoV-2 e a garantire la sicurezza pubblica in ogni suo aspetto.

Allo svolgimento dei suindicati servizi concorreranno, oltre al personale della Polizia di Stato, anche i militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché personale della Polizia Locale. Diverse pattuglie della Polizia Stradale saranno inoltre presenti sulle principali arterie stradali e in particolare su quelle di collegamento interregionale.

I controlli interesseranno tutti i comuni della provincia onde verificare la legittimità degli spostamenti all’interno del comune di residenza o di quelli verso altri comuni e regioni e l’osservanza delle prescrizioni anti-Covid. Sarà verificato il divieto di assembramento, il corretto uso, laddove richiesto dalla norma, dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie nonché il rispetto di tutte le specifiche prescrizioni di settore per i locali pubblici. Particolare attenzione sarà posta nelle aree di abituale ritrovo di giovani, in altri luoghi all’aperto tradizionalmente frequentati in occasione delle festività quali i parchi, le aree pic-nic e i litorali e nel capoluogo specialmente gli antichi Rioni Sassi.

Nei giorni suindicati saranno consentiti esclusivamente gli spostamenti dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute. Inoltre, sarà consentito spostarsi, una sola volta al giorno, verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

Si sollecita il senso di responsabilità di tutti in merito al rispetto delle disposizioni vigenti.

COMUNICATO STAMPA

Matera: cade violentemente sull’uscio di casa e viene subito soccorsa e salvata da due poliziotti
Agenti della Polizia di Stato hanno soccorso una donna anziana che è caduta violentemente sull’uscio di casa, rischiando di perdere la vita.
L’episodio è accaduto in una via del centro di Matera. Mentre i due poliziotti camminavano sul marciapiede, hanno udito un forte tonfo provenire da un’abitazione sita a piano terra. Hanno quindi subito scorto l’anziana donna, priva di sensi, riversa sull’uscio di casa, su cui era rovinata dopo aver inciampato sul marciapiedi.
Valutata la situazione di gravità della donna, i due operatori hanno chiamato il 118 e hanno proceduto direttamente a praticarle le manovre di primo soccorso, effettuando il massaggio cardiaco con respirazione forzata bocca a bocca, finché la donna non ha ripreso a respirare autonomamente, tanto da riprendere anche coscienza.
La respirazione bocca a bocca è stata effettuata con l’uso di un’apposita maschera di rianimazione con valvola unidirezionale e filtro, anche al fine di prevenire il contagio da SARS-CoV-2.
Sul posto è poi giunta un’ambulanza medicalizzata, che ha trasportato la donna in ospedale, dove è stata quindi ricoverata per la frattura del femore.

Matera, 1 aprile 2021