Dal centro elaborazione dati del laboratorio a campana ”covid 19” dell’astronomo materano Franco Vespe, tra curve rosse, verdi e blu, che indicano contagi, situazioni di attesa e,purtroppo, decessi il paio di ”forbici” che incrociano dati sul coronavirus continua a tagliare a dritta e a manca. E le cose , dopo i segnali di un ”contenimento” dei ricoveri al Nord, accendono i riflettori su quanto accade al Sud. Il picco sarà a breve, a cavallo dell’orario legale di fine settimana. E così mentre in Basilicata si è superata abbondantemente quota 100 (altro che incentivi alla pensione) di contagi con un decesso, nelle regioni vicine come Puglia e Campania la situazione è in continua e pericolosa evoluzione. Tant’è che il presidente della giunta regionale campana, Vincenzo De Luca, fa bene ad alzare la voce e a comportarsi come uno sceriffo nei confronti di tanti capatosta e potenziali portatori sani, che proprio non rinunciano ad andare in giro. Sceriffo? Nè più nè meno come il ”marshall” americano Donald Trump (negativo da quanto ha detto al test covid 19), che deve fare i conti con l’avvio di un periodo di una Quarantena,negli States , appena agli inizi. Servono notizie fresche e tornano bene gli studi di un ricercatore come Franco Vespe, che negli Stati Uniti ha tanti contatti da Huston (Texas) a Los Angeles ( California) a Washington. I grafici a campana sono finiti,infatti, anche dall’altra parte dell’Oceano e il lavoro per il nostro Vespe potrebbe aumentare. Del resto sul suo tavolo non mancano scacchiera, pop corn , succo di carote e un tazzone di caffè all’americana (non condividiamo ma…) per tirare avanti tutta la notte, per i tanti briefing a distanza sui sistemi gps e gprs messi a regime negli anni. Frank Wasp, come ha riportato il traduttore ortografico di Google, potrebbe essere dopo Cristoforo Colombo il nuovo salvatore dell’America. Non corriamo e state in ”campana”, curve e grafici sono in evoluzione come il covid 19. Ma andiamo ai dati.


“I dati del 25 Marzo – commenta Franco Vespe. sembrano confermare e rafforzare il trend positivo che avevamo sottolineato ieri (nonostante gli apparenti dati negativi). Per quanto riguarda gli infetti ormai i dati ci dicono che oggi abbiamo raggiunto il picco massimo secondo il modello migliore (campana verde); mentre dobbiamo attendere domani per il modello principale (rosso). Potremo essere comunque sicuri di aver raggiunto il picco solo quando sarà superato anche quello della curva blu. Per quanto riguarda i decessi il trend positivo di ieri viene confermato e migliorato. Si attende che il picco dei decessi avvenga invece fra due giorni. Questo dato è in linea con le previsioni dell’Organizzazione Mondiale della Salute. La forchetta dei deceduti totali si è ristretta e abbassata ad un range fra 16000 e 21000 di unità 😞. Tuttavia non occorre abbassare la guardia. Se il contagio esplode anche al Sud queste stime rischiano di essere travolte.Conto di postare le proiezioni per Campania e Puglia che sembrano essere le regioni più a rischio del Sud.
Ho aggiunto il grafico sulla Puglia . conclude l’astronomo.per quanto riguarda i contagi. E’ in ritardo rispetto al nazionale di due giorni e si estinguerà a Pasqua. Sono dati che ci incoraggiano. I dati della Basilicata non sono sufficienti per fare una seria analisi statistica ma si dovrebbero allineare a quelli della Puglia. Al contrario i dati della Campania ci dicono che siamo solo all’inizio e non è possibile fare proiezioni attendibili. Questo non è un buon segno e fa bene De Luca a preoccuparsi…”