Quando si fa rete è un successo per il Mezzogiorno, il Mediterraneo e per città come Matera e Modica (tutto nel segno della M…) che accomuna capitali a tutto tondo, patrimonio dell’Unesco e con tante ”parentele culturali” già descritte da uomini di cultura, e tra questi Raffaele Nigro, che hanno auspicato e da tempo la sottoscrizione di un gemellaggio. E quale migliore contesto la tre giorni organizzata da Cna nazionale e territoriale, con il presidente Leo Montemurro che nel frattempo ha portato a Matera anche le opere dell’artigianato artistico della Cna di Bergamo,sui temi “La dieta mediterranea. Il valore del cibo italiano come fattore di benessere”, “Le indicazioni geografiche DOP e IGP come traino dello sviluppo locale” e “Pane e cioccolato – il cioccolato di Modica IGP incontra il Pane di Matera”. Una festa di sapori, cultura e tanta attenzione sopratutto da parte dei giovani dell’Istituto Alberghiero ” Turi” di Matera, guidati dalla preside Carmelina Gallipoli ,che hanno fatto tesoro da una esperienza che porterà alcuni di loro nella città siciliana a conoscere l’arte dei maestri cioccolatieri. E se da cosa nasce cosa…anche le due Amministrazioni comunali, insieme a Cna Matera e Modica, avranno di che collaborare in un anno proficuo di contatti come è stato Matera 2019.

Dalle eccellenze della buona tavola come il pane dop di Matera e il cioccolato igp di Modica (Ragusa), all’arte e all’ambiente di due città patrimonio dell’Unesco che hanno sottoscritto un protoccolo di intesa che attiva un gemellaggio per implementare le ”parentele culturali” che le accomunano. L’accordo, sottoscritto dai sindaci Raffaele De Ruggieri e Ignazio Abbate, si pone l’obiettivo di avviare un percorso di studio delle due comunità, in materia di arte e cultura, giovani, cittadinanza, sviluppo sostenibile, servizi pubblici locali, sviluppo economico locale, inclusione sociale e solidarietà e promozione delle identità culturali delle due città in Italia e all’estero. L’intesa prevede di attivare progetti di interscambio culturale , consolidare i rapporti, al fine di costituire uno strumento operativo destinato alla valorizzazione, in chiave sostenibile, delle risorse storico – culturali, ambientali e turistiche locali. . Matera con i Sassi e il parco delle chiese rupestri è stata iscritta nel Patrimonio Unesco nel 1993. Modica nel 2002 per il suo centro storico, ricostruito a seguito del terremoto del 1693, e costituisce uno degli esempi più significativi di architettura tardo barocca.

I PROTAGONISTI DELLA TAVOLA ROTONDA

Leo Montemurro

Presidente CNA Basilicata

  • Nino Scivoletto,

Direttore Consorzio del Cioccolato di Modica IGP

  • Mirco Della Vecchia,

Presidente Nazionale CNA Agroalimentare

Interventi

  • Grazia Dormiente, Direttore Culturale del CTCM
  • Salvo Peluso, Presidente Consorzio del Cioccolato di Modica IGP
  • Massimo Cifarelli, Presidente Pane di Matera IGP

Sottoscrizione Protocollo d’Intesa

“Implementare le Parentele Culturali”

  • Raffaello De Ruggieri, Sindaco del Comune di Matera
  • Ignazio Abbate, Sindaco del Comune di Modica

LE MOTIVAZIONI DEL GEMELLAGGIO

Premesso che:

– il Comune di Matera ritiene fondamentale che il titolo di Capitale Europea della Cultura diventi occasione vera di sviluppo e valorizzazione del territorio, volano di crescita e di coesione per Matera, i territori contermini e per il Sud Italia, in un’ottica di crescita sostenibile, duratura nel tempo e che conferisca alla città di Matera una dimensione internazionale;

– a tal fine, si ritiene opportuno attivare e perseguire tutti i processi idonei a rafforzare le necessarie collaborazioni istituzionali utili a perseguire l’obiettivo citato;

– la CNA Alimentare Nazionale ha organizzato a Matera, dal 7 al 9 novembre 2019, una tre giorni dedicata alla cultura del cibo e segnatamente ai temi “La dieta mediterranea. Il valore del cibo italiano come fattore di benessere”, “Le indicazioni geografiche DOP e IGP come traino dello sviluppo locale” e “Pane e cioccolato – il cioccolato di Modica IGP incontra il Pane di Matera”, evento a cui sono stati invitati a partecipare il Comune di Modica e il Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica, prodotto che, dal 18 ottobre 2018, è stato riconosciuto quale primo ed unico cioccolato europeo IGP in Europa;

– il pane di Matera è stato riconosciuto dalla Commissione Europea fin dal 22 febbraio 2008, quale primo pane IGP in Europa;

Considerato che:

– entrambe le città presentano caratteristiche simili sotto il profilo paesaggistico, del numero di abitanti, del territorio, e delle tradizioni culturali ed enogastronomiche;

– entrambe sono iscritte nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità e, più nello specifico, Matera con i Sassi è stata riconosciuta il 9 dicembre 1993, nell’assemblea di Cartagena di Indias (Colombia), patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, primo sito dell’Italia meridionale a ricevere tale riconoscimento, e Modica e il suo centro storico, ricostruito a seguito del terremoto del 1693, costituendo uno degli esempi più significativi di architettura tardo barocca e per i suoi capolavori, è stata inclusa nel 2002 nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO;

– autorevoli studiosi, scrittori, giornalisti hanno sempre tracciato un parallelismo fra le due città tanto da suggerire l’avvio di un percorso di studio delle due comunità al fine di implementare le “parentele culturali” esistenti, al tempo stesso analizzando le origini delle due città, la loro evoluzione sociale, culturale ed economica che le ha viste da “ultime”, fino a qualche decennio fa, ora in auge: l’una Capitale Europea della Cultura e l’altra Capitale Europea del Cioccolato;

– l’illustre scrittore e saggista Raffaele Nigro, il 3 ottobre 2011 con un suo articolo sulla Gazzetta del Mezzogiorno, dal titolo “Il ritorno a Modica la gemella di Matera”, lanciava in modo chiaro e inequivocabile l’idea “Anni fa, visitando Modica, dissi che forse era il caso di pensare a un gemellaggio tra la città in territorio di Ragusa e Matera. <<….>>;

Dato atto che, in tali presupposti, sono state avviate interlocuzioni tra i rappresentanti delle due Amministrazioni, al fine di addivenire alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa, nella considerazione:

– dell’interesse del Comune di Matera a perseguire politiche legate alla valorizzazione del proprio Patrimonio Culturale, ed a divenire portavoce delle culture dimenticate di tutti i Sud del mondo, utilizzando il linguaggio universale della sua millenaria storia, portando in dote l’esperienza maturata e la fierezza della propria Comunità che ha preso coscienza del suo ruolo nel mondo;

Ritenuto, attraverso la sottoscrizione del Protocollo d’intesa, di:

– avviare un percorso di studio delle due comunità, al fine di implementare le “parentele culturali” esistenti, e finalizzato alla sottoscrizione di un gemellaggio delle città di Matera e Modica con lo scopo precipuo di definire una comune volontà di intenti in materia di arte e cultura, giovani, cittadinanza, sviluppo sostenibile, servizi pubblici locali, sviluppo economico locale, inclusione sociale e solidarietà e promozione delle identità culturali delle due città in Italia e all’estero;

– mettere in atto progetti di interscambio culturale tra le Parti interessate, finalizzato a collaborare sinergicamente per lo svolgimento di attività e iniziative sulle tematiche e sulle affinità che accomunano le due Città;

– consolidare i rapporti, al fine di costituire uno strumento operativo destinato alla valorizzazione, in chiave sostenibile, delle risorse storico – culturali, ambientali e turistiche locali;

 

TUTTO CIO’ PREMESSO, LE PARTI CONVENGONO QUANTO SEGUE:

ART. 1

La Premessa costituisce parte integrante e sostanziale del presente Protocollo d’intesa.

 

ART. 2

Il Comune di Matera ed il Comune di Modica decidono, mediante la sottoscrizione del presente protocollo d’intesa, di mantenere relazioni di amicizia che garantiscano il progresso, lo sviluppo ed il benessere di entrambe le Comunità.

ART. 3

Le Parti, tenendo conto di quanto rilevato nella suestesa premessa, stabiliscono di avviare un percorso di studio delle due comunità, al fine di implementare le “parentele culturali” esistenti, e finalizzato alla sottoscrizione del protocollo d’intesa in parola, con lo scopo precipuo di definire una comune volontà di intenti in materia di arte e cultura, giovani, cittadinanza, sviluppo sostenibile, servizi pubblici locali, sviluppo economico locale, inclusione sociale e solidarietà e promozione delle identità culturali delle due città in Italia e all’estero.

ART. 4

Entrambe le Parti favoriranno attività aventi lo scopo di contribuire alla promozione e realizzazione delle finalità sopra evidenziate.

ART. 5

Le Parti porranno in essere le attività necessarie al fine di garantire il compimento degli impegni stabiliti nel presente Protocollo d’Intesa.

ART. 6

Il presente protocollo non comporta oneri economici per gli Enti stipulanti salva la facoltà di destinare risorse economiche alla realizzazione delle iniziative previste.

ART. 7

La durata del presente protocollo non è prefissata e lo stesso sarà valido fin quando le Parti riterranno di mantenere relazioni di intesa ed amicizia, a garanzia dello sviluppo di attività orientate al bene e al progresso delle due comunità.

Il presente protocollo entrerà in vigore a partire dalla data della sua sottoscrizione.

Il presente Protocollo di Intesa può essere modificato o integrato per concorde volontà dei soggetti sottoscrittori.

Esso viene letto e sottoscritto in duplice originale alle ore … …. del giorno ….. …… 2019.

Matera, ______________

Sindaco di Matera

Avv. Raffaello De Ruggieri

Sindaco di Modica

Dott. Ignazio Abbate