…Montemurro, Adorisio, Cipolla, Masciandaro, Moliterni, Paradiso, Fragasso, Altieri e tanti cognomi di tradizione materana riferiti ai Caduti della Prima Guerra Mondiale, che tornano a brillare con un tratto di nero dalla memoria del passato sui pannelli di marmo consunto del Monumento di Piazza Vittorio Veneto. E armata di pazienza la giovane concittadina Francesca Manicone, che ha fatto l’Accademia delle Belle Arti, si sta cimentando in un lavoro che darà lustro e memoria a quello che il degrado del tempo e degli uomini avevano offuscato. Ne parliamo volentieri, dopo aver dato la notizia dell’avvio dei lavori di ripulitura e manutenzione, disposti dall’Amministrazione comunale, e affidati all’impresa all’impresa Raro srl di Matera. Per le cerimonie del 21 Settembre 1943 il monumento sarà ”presentabile”. L’auspicio, come accaduto per la fontana ferdinandea, è che si provveda a una manutenzione periodica dei monumenti. Alcuni concittadini ci hanno segnalato lo stato di scarsa igiene e di degrado di beverini e fontane in marmo e ghisa. Si provveda a colpi di decoro.