Alcuni di loro li conosciamo, incontrati con le loro famiglie, in altri momenti di difficoltà e quando con gradualità – prima con il bisturi e poi con l’accetta- si è proceduto al taglio o al ridimensionamento dei servizi per la medicina del territorio. E’ così è per i servizi di psichiatria a Matera, con una lunga tradizione di esperienza nel solco della riforma avviata oltre 40 anni fa da Franco Basaglia. Per questi motivi e per una questione di ”responsabilità” e di buon senso hanno fatto sentire la loro voce con una protesta in Prefettura, con striscioni, cartelli da titoli ” efficaci e disperazione” e con la loro malattia…che non può assolutamente passare come codice ”arcobaleno” al Pronto Soccorso e da qui a Policoro, che ha avuto e ha un’altra esperienza per affrontare le situazioni di disagio mentale. Una loro delegazione, accompagnata da operatori della psichiatria materana,segretari di Cgil,Eustachio Nicoletti, Giuseppe Amatulli Cisl e Franco Coppola Uil e di settore , insieme ai consiglieri regionali Roberto Cifarelli e Luca Braia (Pd) hanno espresso al prefetto Demetrio Martino, piena contrarietà a trasferimenti di funzioni, personale e pazienti a Policoro, elencando le ”giuste” motivazioni suffragate anche da prese di posizioni nazionali sull’argomento. Poi la conferenza dei sindaci che ha chiesto l’avvio di una riflessione seria sull’argomento. Ma, nel frattempo, si sospendano ‘trasferimenti” ipotizzati e indicati dalla Asm che dovrà trovare una soluzione in tempi ragionevoli. Ma prima tanto buon senso. I colpi di testa possono procurare ulteriori danni. E su questo aspetto casistiche e protocolli parlano chiaro…

Conferenza dei Sindaci Asm chiede al Dg di valutare la possibilità di sospendere il provvedimento sulla centralizzazione del Spdc

La Conferenza dei Sindaci del comprensorio dell’Azienda Sanitaria del Materano, ha chiesto ufficialmente al direttore generale di valutare l’opportunità di sospendere il provvedimento di centralizzazione provvisoria del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (Spdc) presso l’Ospedale di Policoro.
La decisione è scaturita al termine dell’assemblea che si è svolta in mattinata nella Sala Mandela del Comune di Matera, e a cui hanno partecipato i rappresentanti dei Comuni di: Matera, Colobraro, Ferrandina, Garaguso, Grassano, Grottole, Irsina, Miglionico, Montalbano Jonico, Policoro, Pomarico, Stigliano, Tricarico e Valsinni, l’assessore regionale alla Sanità, Rocco Leone, e il direttore generale dell’Asm, Joseph Polimeni.
Al termine del dibattito, scaturito dopo la relazione del direttore generale, che ha illustrato i motivi della sua decisione, la Conferenza dei Sindaci a cui compete, nell’ambito delle indicazioni regionali, la definizione degli indirizzi generali di programmazione socio-sanitaria dell’Azienda, ha espresso all’unanimità l’opportunità che si avvii una fase di riflessione e di confronto per arrivare ad una soluzione equilibrata che rechi meno disagi possibili ai cittadini.
Polimeni ha annunciato che incaricherà il Direttore del Dipartimento di Psichiatria dell’Asm di valutare la possibilità di trovare soluzioni alternative purché percorribili.
“La formulazione della richiesta – ha sottolineato il Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, che è il Presidente della Conferenza dei Sindaci della Asm – è rispettosa dei singoli ruoli ma sottende all’opportunità di congelare la situazione attuale in attesa di poter meglio individuare una equilibrata e condivisa soluzione del problema”.