Alcuni religiosi del Santuario di Picciano sono risultati positivi al covid 19. A darne notizia con un comunicato l’arcivescovo della Diocesi di Matera e Irsina, Antonio Caiazzo, che ha disposto la chiusura dei luoghi per due settimane. Situazione sotto controllo con i monaci in isolamento,ma nessuno dei quali ha necessità di ricovero ospedaliero. Nel contempo è partita l’attività di tracciamento per risalire alla catena dei contatti.


COMUNICATO STAMPA

“Il Santuario di Maria SS di Picciano rimarrà chiuso per due settimane”

L’Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina mons. Antonio Giuseppe Caiazzo annuncia che il Santuario di Maria SS di Picciano rimarrà chiuso per due settimane a partire da sabato 31 ottobre a seguito del riscontro di alcuni casi di positività al Covid19 tra i monaci della Comunità monastica benedettina olivetana.

In accordo con l’Ufficio di Igiene e Sanità pubblica dell’Azienda sanitaria locale sono state adottate tutte le misure necessarie per impedire la diffusione del contagio, in particolare con l’isolamento immediato dei positivi, tanto dei sintomatici che degli asintomatici, nessuno dei quali ha necessità di ricovero ospedaliero.

Con la stessa sollecitudine è partita l’attività di tracciamento dei contatti stretti. Si considerano “contatti stretti”, oltre i conviventi, coloro che abbiano avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (ad esempio con una stretta mano), quanti abbiano avuto un contatto diretto (faccia a faccia) o si siano trovati in un ambiente chiuso a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore a 15 minuti.

Preghiamo la Madonna di Picciano perché continui a proteggere con il suo cuore di madre la comunità monastica di Picciano e tutti i fedeli che a Lei guardano con filiale devozione.

Matera, 30 ottobre 2020
Domenico Infante
Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali
Arcidiocesi Matera – Irsina