Matiff dal 17 al 20 Novembre con Edizione Zero.One .

Torna dal 17 al 20 Novembre, nella città dei Sassi, il Matiff  con la sua Edizione Zero.One .

Ospiti prestigiosi e temi dedicati, per 4 giorni, saranno al centro della programmazione con eventi presso la sala del  Cinema Il Piccolo. 

Il Matiff  presenterà un interessante progetto degli studenti del Politecnico di Bari, che ha incrociato sul piano della ricerca scientifica, il concept lanciato da tempo “Ulisse su Marte/Mater”.

“Archi-Mars” è un progetto che affronta il tema delle risorse per sviluppare la costruzione di strutture permanenti e semipermanenti sul pianeta Marte e sulla Luna.  Il giovane team di sviluppo ha progettato un insediamento permanente e autosufficiente denominato HiveMars. Interverranno  il Prof. Giuseppe Fallacara dell’Universita’ di Bari  e il Prof. Nicola Parisi .

Al centro della programmazione, tra mattinèe e serate, come un atterraggio giornaliero, il concorso internazionale che vede rappresentare 5 generi di opere contemporanee (documentari, lungometraggi, corti, animazione, spot&videoclip) provenienti da diversi paesi e continenti, tutte che si confrontano con il tema centrale del festival, annunciato sin delle sue anteprime, “Ulisse su Marte”. Un’espressione con tante sfumature, ma che propone ai concorrenti di raccontare storie in cui emergano l’audacia e la creatività dell’umanità nell’affrontare sfide e avversità.

A decretare i vincitori dei film finalisti, una multidisciplinare giuria composta da professionisti del settore, di affermata esperienza come Caterina D’Amico (preside per 20 anni del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma), Armando Lostaglio (scrittore, giornalista, fondatore di riviste sul cinema), Leonardo De Francesco (Professore associato DAMS di Roma Tre), Carlo Coen ( Docente di Storia del Cinema Italiano alla York University di Toronto, programmatore del Toronto Italian Film Festival e Italian Contemporary Film Festival di Toronto,), Hermes Mangialardo (Cartoonist, videomaker, Visual performer, 3D mapper), Maria Xenia Doria (Presidente Onoraria del FAI Basilicata, per la tutela del patrimonio artistico, culturale e ambientale).

 

Ad aprire gli eventi speciali, il 17 novembre, una personalità dai tanti volti del nostro panorama culturale, con tratti originali e umoristici, quale è Gianni Ippoliti, che presenterà al pubblico il suo corto “La Sedia”, lavoro che regala una affettuosa fotografia del Sud Italia.

 

 

A seguire, il 18 novembre, tra i protagonisti di questa edizione il regista Giorgio Verdelli, uno dei grandi nomi del nostro cinema contemporaneo, che presenterà la proiezione di uno dei film che ha più commosso il pubblico di Venezia ,“Ezio Bosso. Le cose che restano”, definito dal regista come “il racconto di una grande storia umana”.

 

Il 19 novembre, in collaborazione con la Fondazione Matera Basilicata 2019, il Matiff ospiterà la proiezione del docufilm Trenodia (2020, ‘27) di G. Boato e L. Danesin, nato dall’omonimo progetto di arte pubblica partecipata di Vinicio e Mariangela Capossela, coprodotto dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 insieme a Sponzfest Sottaterra 2019 per Matera Capitale Europea della Cultura 2019.

Proposto come un’opera d’arte interdisciplinare, che ha toccato 3 regioni e centinaia di partecipanti, è un lavoro che affonda lo sguardo nella nostra cultura, per risalire alla tradizione del pianto rituale e reinterpretarla in forma creatrice e aggregatrice. A parlarne in sala, nell’incontro dal titolo “Sui passi di Trenodia. Dalla lamentazione alla performace” sarà l’artista Mariangela Capossela, in dialogo con il critico d’arte Tommaso Evangelista e il filosofo Pietro De Ruggieri. L’incontro sarà aperto dai saluti del Direttore della Fondazione Matera Basilicata 2019, Giovanni Oliva, e dei sindaci dei comuni lucani, calabresi e campani coinvolti nel progetto. L’evento è su prenotazione sul sito ufficiale del Matiff – www.matiff.it –  alla pagina eventi.

 

L’edizione Zero.One del festival si concluderà con una cerimonia di premiazione dei lavori vincitori del concorso (che per la prima volta nella storia dei festival verrano premiati in bitcoins!) e con una consuetudine speciale, istituita dal Matiff sin dai suoi esordi, quale la consegna del prestigioso Premio “Visconti”, a cura di Rocco Talucci, che assegnerà il riconoscimento a Umberto Orsini e Marco Tullio Giordana, ospite (imperdibile) presente in sala. Nomi che hanno edificato la storia del cinema italiano, artisti che hanno collaborato a stretto contatto con il maestro Visconti e che testimonieranno anni di grande valore e realizzazione della Settima Arte in Italia.
Il Premio Visconti sarà preceduto dalla visione di una sua opera, “Bellissima” film con Anna Magnani, nel ruolo di una madre, Maddalena, che venuta a sapere che stanno cercando una bambina per un film, fa tutti i sacrifici possibili perché la figlia Maria venga ammessa al provino.

 

Il Matiff è stato realizzato con il sostegno della Regione Basilicata, Fesr 2014-2020 Basilicata Europa, il Comune di Matera, Matera Estate, Ambiente Basilicata, con il patrocinio della Fondazione Matera Basilicata 2019, con il supporto del Mibact, Provincia di Matera, Fai Basilicata, Palazzo Lanfranchi, Monticchio Cine Laghi, Consorzio Albergatori di Matera, Must, Porto Argonauti. Tra i media partner dell’evento RVM e Sassilive. E da Riva Dei Ginepri, in qualità di main sponsor

Non rimane che raggiungere la sala del Cinema “Il Piccolo” di Matera, per unirsi al sogno collettivo del Matiff per “tentare insieme opere grandi e sublimi”.

Related posts

Rispondi