In un post sul proprio profilo social il Sindaco di Montalbano Piero Marrese (nonché Presidente della Provincia di Matera) nel dare il triste annuncio di un decesso nella propria comunità torna a rilevare le “inefficienze del sistema sanitario regionale” che sono alla base della situazione di emergenza e che rende tutto più difficile per i cittadini, gli amministratori i medici:  inefficienza delle USCA, il ritardo e la mancanza di vaccini anti influenzali, ritardo nelle comunicazioni dell’esito del processamento dei tamponi, la mancanza di dispositivi di protezione per i medici e pediatri di base a cui ora provvede il Comune , il mancato rispetto dei tempi di esecuzione dei tamponi di controllo (previsti dopo 10 gg dall’accertamento della positività), assenza di comunicazioni certe circa le modalità di effettuazione dei tamponi stessi.

Tutte questioni che sono state poste anche con una nota ufficiale indirizzata alla Regione per l’appunto. Altro che tutto va bene come si vorrebbe che far credere. Ma ecco a seguire il testo integrale del post di Marrese:

“Con profondo dispiacere devo comunicare una triste notizia, è venuta a mancare, qualche ora fa, una nostra concittadina, positiva al COVID. Alla famiglia vanno le mie più sentite condoglianze, esprimendo come amministrazione la nostra vicinanza in questo triste momento.

Stiamo affrontando una situazione molto complessa e difficile, purtroppo anche caratterizzata da inefficienze del sistema sanitario regionale che ho evidenziato, con una missiva, al Presidente della Regione Bardi e che riguarda l’inefficienza delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale (USCA), il ritardo e la mancanza di vaccini anti influenzali, il mancato esito del processamento di alcuni tamponi eseguiti lo scorso 6 novembre e la mancanza di dispositivi di protezione per i medici e pediatri di base a cui provvediamo noi come Comune.

Chiediamo, inoltre, che vengano rispettati i tempi di esecuzione dei tamponi di controllo, previsti dopo 10 gg dall’accertamento della positività. E chiediamo siano date comunicazioni certe circa le modalità di effettuazione dei tamponi stessi che, a quanto riferitoci, dovrebbero essere stati rimessi alle Usca. Nessuna perplessità deve sussistere al riguardo!

Pertanto, proprio per queste difficoltà dobbiamo avere l’unico obiettivo di evitare potenziali situazioni di contagio per noi stessi e per le persone deboli e più esposte.

Rinnovo a voi tutti l’invito di seguire le indicazioni per contenere e arginare la diffusione del contagio da coronavirus.

Uscite lo stretto necessario, usate la mascherina, mantenete il distanziamento sociale ed evitate situazioni conviviali.”