Non è un buon momento per la Giustizia del BelPaese,alla ricerca di un centro di gravità permanente per dirla con un noto brano di Franco Battiato, tra crisi di identità, aspetti organizzativi, questione morale e tentativi di riforma che devono fare i conti con umori e malumori , dentro e fuori del Parlamento. Ma i giovani, a cominciare dagli avvocati e non solo loro, che pasteggiano a procedure e sempre più risicate parcelle, alla professione forense ci credono e lavorano con scrupolo. Tenendo bene i piedi per terra e gli occhi rivolti verso quella bilancia della Giustizia, che deve restare in equilibrio per il bene di tutti . L’Aiga, l’associazione dei giovani avvocati, è un ”forziere” di energie per contribuire – condizioni permettendo- a un cambiamento su vari fronti da tanti auspicato. Anche in relazione alla sfide del mercato, che impone un adeguamento continuo della professione. In questo e in altri obiettivi crede il neo presidente dell’ Aiga di Matera,avv. Francesco Paolo Chita, insieme ai colleghi che fanno parte del nuovo direttivo. Auguri di buon lavoro: Sed Lex, dura Lex.

LA NOTA DELL’AIGA
L’Avvocato Francesco Paolo Chita Presidente AIGA sezione di Matera
In occasione dell’Assemblea svoltasi martedì 20 luglio, si è provveduto al rinnovo delle cariche del Consiglio Direttivo della Sezione Aiga di Matera: a succedere all’avvocato Pierfernando Panetta, in qualità di Presidente, è l’avvocato Francesco Paolo Chita, proclamato per acclamazione.
L’assemblea si è aperta con l’intervento del presidente uscente che nel suo discorso di fine mandato, ha voluto ringraziare il Direttivo per l’impegno profuso in un biennio complesso come quello appena trascorso, ricordando tra le altre cose i numerosi eventi formativi organizzati dalla sezione.