I preoccupanti dati relativi all’andamento epidemiologico da Coronavirus a livello nazionale hanno di recente indotto il Ministero della Salute ad adottare prescrizioni più stringenti volte a contrastare l’ulteriore diffondersi del contagio.

Tra queste l’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie, anche all’aperto, dalle 18.00 alle 6.00, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico, nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea o occasionale.”

Inizia così una nota diffusa dalla Prefettura di Matera con cui si invitano Istituzioni, cittadinanza e turisti a collaborare rispettando le disposizioni sull’uso della mascherina al fine di contrastare la ripresa del contagio. Nel comunicato si legge ancora:

“Si ritiene di evidenziare che la norma impone l’obbligo di indossare la mascherina non solo allorché venga meno la prescritta distanza tra le persone, ma per il sol fatto di trovarsi o di attraversare determinati spazi pubblici individuati da ciascun Comune, anche nel caso in cui permanga il distanziamento interpersonale.

La nuova normativa è stata attentamente esaminata in Prefettura a Matera nel corso di una riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, in esito alla quale il Prefetto ha impartito precise direttive ai Comuni, alle Forze dell’ordine e alle Polizie Locali per la più efficace attuazione della disposizione.

Con l’occasione il Prefetto rivolge il più caloroso appello a tutte le Istituzioni e soprattutto alla cittadinanza e ai turisti al rispetto della disposizione, nella consapevolezza che solo comportamenti improntati al massimo senso di responsabilità e memori del difficile periodo di lockdown appena trascorso, possono contrastare la ripresa del contagio.”