Incontro SPI GCIL a San Mauro Forte su rilancio servizi socio-assistenziali

Venerdì scorso a San Mauro Forte  lo SPI CGIL ha promosso un incontro pubblico per rilanciare temi, come infrastrutture, servizi, isolamento, che si sono acuiti in tanti centri della Basilicata ed in particolare, nella montagna materana (https://giornalemio.it/cronaca/a-san-mauro-forte-spi-cgil-riapre-dibattito-su-problemi-aree-interne/) .

A seguire una nota di resoconto dell’iniziativa:

 COMUNICATO STAMPA
INCONTRO DELLA CGIL A SAN MAURO FORTE
SU COME RILANCIARE I SERVIZI SOCIO-SANITARI

“Il sistema socio-sanitario, le sue criticità, il come potenziare i servizi e tutelare il diritto alla salute, sono stati i temi al centro dell’incontro promosso dal sindacato dei pensionati della CGIL tenutosi a San Mauro Forte.

Si è scelto un territorio con problemi endemici enormi, l’invecchiamento della popolazione, l’aumento delle cronicità, lo spopolamento, la bassa densità abitativa, per rilanciare una stagione di riforme e di lotta.

Già in prima mattinata, lo spazio antistante la maestosa Torre Normanna, delimitato da un nugolo di bandiere rosse, si è riempito di cittadini provenienti anche da altri Comuni che hanno colto l’occasione per ammirare le bellezze architettoniche del paese ospitante.

Più che di un incontro politico si è trattato di una festa che ha consentito di riscoprire il gusto di parlarsi, di sentirsi parte di un progetto collettivo di cui la CGIL è espressione e motore.

A confrontarsi, oltre ai dirigenti del sindacato, i sindaci del comprensorio, rappresentanti delle istituzioni e il direttore generale dell’Azienda Sanitaria di Matera, Sabrina Pulvirenti.

Nelle parole degli intervenuti è emerso chiaro il bisogno di imprimere un’accellerata a ciò che bisogna fare per affrontare i problemi amplificati dalla crisi pandemica.

Dopo i saluti di Antonio Santochirico e del Sindaco Francesco Diluca è stato Angelo Vaccaro a rilanciare l’idea di un accordo di programma in ordine allo sviluppo locale, il diritto allo studio, l’integrazione dei servizi socio-sanitari.

Una sfida, secondo Vaccaro, resa ancora più impellente dalle opportunità offerte dalla missione Salute del PNRR.

Misura che prevede investimenti cospicui in favore delle reti di prossimità, la telemedicina a sostegno dell’assistenza domiciliare, le Case della Salute quali avamposto per le piccole comunità.

Vaccaro ha delineato una visione integrata di sistema socio- sanitario tesa al rafforzamento del perimetro pubblico dei servizi attraverso il monitoraggio costante degli interventi e dei bisogni.

Concetti ripresi da Eustachio Nicoletti che ha, inoltre, sottolineato i ritardi del governo regionale su molte questioni a partire dalla stesura del nuovo piano sanitario quale strumento di programmazione, nonché la miriade di problemi innescati dal depotenziamento dei servizi esistenti.

Il dibattito si è, poi, concentrato sul progetto pilota di strategia delle aree interne, l’assistenza medica e infermieristica nei piccoli Comuni, la specialistica ambulatoriale, la ripresa degli screening sulle malattie tumorali, l’abbattimento delle liste d’attesa.

Una panoramica sullo stato dell’arte che ha toccato tutto ciò che ruota intorno al bene supremo della salute.

Dopo i contributi di Franco Micucci, Sindaco di Stigliano, di Roberto Cifarelli, consigliere regionale e della dottoressa Pulvirenti, l’iniziativa, coordinata da Leonardo Digilio, si è conclusa con l’intervento di Donato Allegretti segretario regionale dei pensionati della CGIL.

Allegretti, dalla piazza del piccolo Comune di montagna, ha rivolto un invito all’ascolto e al confronto per riaffermare il valore universale della salute e rendere i servizi socio-sanitari generatori di benessere per le comunità.

Related posts

Rispondi