A distanza di un mese torniamo sulla situazione vaccini antinfluenzali, dichiarando la forte criticità di approvvigionamento per il canale farmacie. Da parte delle aziende produttrici, come già preannunciato non abbiamo ricevuto alcuna fornitura.”

E’ quanto si legge in una nota a firma di Antonio Guerricchio -presidente della Federfarma Basilicata- che così prosegue:

“La distribuzione da parte delle Regioni alle farmacie, nonostante l’impegno preso in Conferenza Stato- Regioni a ottobre è stato in parte disatteso con una dispensazione a macchia di leopardo sul territorio nazionale, causando una spiacevole disuguaglianza di trattamento tra cittadini di fronte ad una legittima necessità.

Infatti se ci sono Regioni come Lazio ed Emila Romagna in cui è stata destinata alla farmacia una quota vaccini importante, per quanto comunque insufficiente, in amministrazioni come la Basilicata presso le farmacie di vaccino antinfluenzale, neanche l’ombra !!

Parliamo di dosi che sono destinate alla cosidetta ” popolazione attiva ” ( 6-59 anni ), cioè coloro i quali non rientrando nelle categorie protette non hanno diritto al vaccino gratuito e pertanto abitualmente si rivolgono alle farmacie.

Quest’anno per ovvi motivi la richiesta è maggiore e particolarmente pressante.

E’ nostro desiderio dare risposte chiare ai cittadini, per cui riteniamo sia giunto il momento che chi di dovere si esponga e non lasci gli operatori sanitari, farmacisti compresi, in balia della nebbia e del malcontento dei cittadini.”