sabato, 1 Ottobre , 2022
HomeCronacaEvitiamo, dopo Chernobyl, un'altra catastrofe nucleare

Evitiamo, dopo Chernobyl, un’altra catastrofe nucleare

Distruzioni, diaspore, danni, malattie dopo l’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl , avvenuta il 26 aprile del 1986 nell’ex Urss, pare che non abbiano insegnato nulla ai Paesi ”civili” (un eufemismo), alle grandi potenze e all’Unione Europea che si ritrova l’ennesimo conflitto in casa, quello in Ucraina, dopo le guerre fratricide nella ex Jugoslavia. Quello che sta accadendo e potrebbe accadere per la centrale nucleare d Zaporizhzhia (Ucraina), tra silenzi e accuse , e il ”divieto-impossibilità” degli osservatori stranieri per valutare lo ”stato di sicurezza” della centrale” portano a una situazione paradossale. Tanto più che ci sono vite da salvare. A preoccuparsene, con una istanza presentata alla Corte europea di Strasburgo le avvocatesse Angela BITONTI del foro di Matera e Sonia SOMMACAL del foro di Belluno , e a cui hanno collaborato l’avvocato Gianluca PIPITONE- ADU Sicilia , l’avv. Stefano ZACCHETTI – ADU Liguria e l’avv. Mattero FRANCAVILLA – ADU Lombardia, sono sostenuti dall’associazione ADU (per la promozione e la tutela dei diritti fondamentali dell’uomo, dall’associazione ADRI (associazione donne rumene in Italia) e dall’Associazione Culturale Europea Italo-Ucraina MAIDAN. Il tempo stringe. E occorre fare in fretta, affinchè non accada l’irreparabile. La giustizia farà il suo corso. Ma la diplomazia, nel frattempo, incentivi gli sforzi…prima che sia troppo tardi.

CENTRALE NUCLEARE DI ZAPORIZHZHIA ( Ucraina)I cittadini di mezza Europa portano la Russia davanti alla CEDU per violazione del diritto alla vita :
SALVATE L’UMANITA’ DAL RISCHIO DI UNA CATASTROFE NUCLEARE
.Messi in pericolo dalla minaccia grave ed imminente proveniente dalla Centrale nucleare di ZAPORIZHZHIA in Ucraina, a causa delle operazioni militari non sicure condotte dalla Russia in prossimità della stessa, alcuni cittadini europei si rivolgono alla Corte di Strasburgo chiedendo che vengano fatte cessare le operazioni militari rischiose per la incolumità di tutti.I ricorsi, su mandato conferito alle avvocate BITONTI – SOMMACAL, e a cui hanno collaborato l’avvocato Gianluca PIPITONE- ADU Sicilia , l’avv. Stefano ZACCHETTI – ADU Liguria e l’avv. Mattero FRANCAVILLA – ADU Lombardia, sono sostenuti dall’associazione ADU (per la promozione e la tutela dei diritti fondamentali dell’uomo, dall’associazione ADRI (associazione donne rumene in Italia) e dall’Associazione Culturale Europea Italo-Ucraina MAIDANLe notizie che giungono relativamente alla Centrale nucleare di Zaporizhzhia fanno temere che possa accadere l’irreparabile. Si stanno compiendo operazioni militari che mettono a rischio la vita di tutti, non solo di chi vive in prossimità della Centrale o degli ucraini tutti, ma anche dell’Europa e della Russia stessa.Le forze militari Russe hanno occupato l’area della centrale nei primi giorni di marzo. Kiev accusa il nemico di avere posizionato la propria artiglieria a poca distanza dai reattori per scoraggiare attacchi diretti. Da giorni la centrale è al centro di un pericoloso fuoco incrociato di missili.Quando venne occupata dalle truppe russe ai primi di marzo si paventò la catastrofe imminente, a Kiev la follia delle bombe russe sparate direttamente sui reattori e nei giacimenti di scorie radioattive scatenò lo spettro «cento volte più grave» del disastro atomico di Chernobyl nel 1986. L’agenzia atomica ucraina Energoatom ha ribadito i suoi timori per la centrale, ritenendo che stia operando con il rischio di violazione delle norme di sicurezza antincendio e antiradiazioni. «Permangono rischi di fuoriuscita di idrogeno e dispersione di sostanze radioattive e anche il rischio di incendio è elevato. Inoltre tre sensori di monitoraggio delle radiazioni attorno al sito dell’impianto di stoccaggio sono stati danneggiati», si legge in un report dell’agenzia. «Quello che sta accadendo lì è un vero e proprio terrorismo nucleare, la situazione è pericolosa e ciò che preoccupa di più è che non vi sia alcun processo di de-escalation”Anche la diplomazia europea e il governo americano affermano che «Si violano in modo irresponsabile le regole di sicurezza nucleari.

Un altro esempio di come la Russia non rispetti gli accordi internazionali», sostiene il responsabile della politica estera Ue, Josep Borrell.È dallo scorso 5 agosto che le zone che circondano la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia sono state colpite. La questione sta destando grande preoccupazione nella comunità internazionale. La scorsa settimana il segretario generale dell’Onu António Guterres ha chiesto alla Russia e all’Ucraina di interrompere gli scontri nell’area che circonda la centrale e istituire una zona demilitarizzata per scongiurare eventuali incidenti. Già prima dell’inizio dei bombardamenti Rafael Grossi, il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), aveva definito la situazione nell’impianto, che dallo scorso 4 marzo è sotto il controllo delle forze russe, “completamente fuori controllo”, ribadendo che “ogni principio di sicurezza nucleare è stato violato” e che le conseguenze potrebbero essere “estremamente serie ed estremamente gravi e pericolose”Rafael Martino Grossi ha spiegato, ancora, in un’intervista a Bloomberg tv, che la «situazione è delicata e tutto può accadere a questo punto». L’eventuale esplosione di un reattore nucleare darebbe vita ad un’immensa palla di fuoco (il cosiddetto fungo atomico) che, trasformandosi in vapore, si innalzerebbe verso l’alto, insieme al suolo e all’acqua. Gli elementi radioattivi dell’ordigno atomico si mescolerebbero con il materiale vaporizzato.Una volta raffreddatosi si scorporerebbe in piccole particelle che, ricadendo sulla terra come una pioggia, causerebbero distruzione e morte in un’area molto estesa.

Le ripercussioni sulla salute possono essere a breve o lunga distanza e dipendono dalle modalità e dalle tempistiche di esposizione.L’esplosione di uno dei reattori di Zaporizhzhya provocherebbe un disastro, milioni di scorie radioattive si propagherebbero in tutta Europa che verrebbe totalmente contaminata, secondo quando riportato dall’AIEA.Si porta all’attenzione della CEDU la violazione dell’art.2 da cui scaturisce l’Obbligo positivo per lo Stato Russo di tutelare la salute e la vita messa a rischio dalle azioni militari non sicure nei pressi della centrale nucleare di Zaporizhzhia che possano causare un disastro nucleare e che possano mettere in pericolo la salute e la vita di tutti i cittadini europei e non solo.Si rammenta che la Russia pur essendo uscita formalmente dal consiglio di Europa è responsabile della violazione di diritti umani perpetrate fino al 16 settembre e che fino a tale data è tenuta a rispettare la convenzione e gli obblighi derivanti dalla stessa.L’avv. Bitonti ( presidente ADU) ribadisce che “la vita umana prima ancora di figurare nell’elenco dei diritti fondamentali della persona è un valore assoluto perché incarna la dignità umana. Nessun Potere può metterla in pericolo.Il rispetto della vita umana e il presupposto della legalità e il limite al Potere di ogni governo.Il rispetto dei diritti fondamentali è, anzi, la prima responsabilità dei Governi.!”

RELATED ARTICLES

1 commento

  1. SALVATE L’UMANITA’ DA CHI GRIDA AL LUPO AL LUPO.
    UDITE, UDITE,SQUILLANO LE TROMBE! Cittadini di mezza Europa ( QUALI? DOVE? QUANDO?), non avendo “altro di meglio da fare” chiedono di mettere sotto processo la Russia che vuole distruggere il resto del mondo; è tornata la Spectre!  ADU, ADRI, MAIDANL  Energoatom, ARGONAUTI VARI, Rafael Grossi, Guterres, Borrel, Pippo, L’uomo Ragno, Batman, Wonder Woman, formazione super offensiva degli Stati Uniti, 5 avvocati difensori italiani , e quattro punte all’attacco per non far vincere il campionato ucraino alla Russia di Putin , in palio per chi arriva primo il controllo strategico della centrale nucleare di Zaporizhzhia. Ma invece di creare allarmismi, qualcuno di questi soggetti che straparla, prima di accettare come verità assoluta la versione del governo ucraino, e di questi servetti europei degli americani, è andato a verificare sul posto come stanno realmente le cose? Ovviamente neanche per sogno! E poi una domanda sorge spontanea: « Per quale ragione masochistica i russi dovrebbero fare esplodere una centrale atomica i cui effetti devastanti ricadrebbero in primis proprio in casa loro?» E la responsabilità dei militari ucraini? Non sia mai: loro sono le “vittime immacolate” di quei terroristi dei russi. Mai come mai ogni qualvolta un organismo indipendente, prendiamo il caso di Amnesty International, o anche persone di primo piano del regime di Zelensky ribaltano la versione dei fatti giungendo persino a mettere sotto accusa l’esercito ucraino, tutte queste sigle e sotto sigle, difensori paladini dei diritti umani rimangono in silenzio? Come aveva ragione il grande psichiatra Franco Basaglia quando scriveva che bisogna sempre CONCEDERSI IL BENEFICIO DEL DUBBIO. Già mi aspetto che qualcuno poco intelligente mi accuserà di essere filo Putin, e a costoro dico chi se ne frega…  state attenti però che a gridare al lupo al lupo, poi il lupo arriva davvero, e allora anche la vostra paccottiglia di accuse pretestuose e invasato allarmismo sarà cenere al vento.

Rispondi

I più letti