Nuova bufera ai vertici dell’Avis Regionale di Basilicata. Dopo i pesanti sospetti, emersi lo scorso febbraio, circa la presentazione di bilanci non proprio trasparenti ed un giro di fatture riconducibili a probabili “affari di famiglia”, la sede Comunale di Potenza ha “sfiduciato” e preso le distanze, da due soci ai vertici dell’Associazione Regionale. Si tratta del Presidente, Rocco De Asmundis e del Tesoriere e Referente del Terzo Settore, Emanuele Landro.

de asmundis landro

A darne notizia, una nota a firma del Presidente della Sede Comunale di Potenza, Nicola Stigliani, inviata all’Assessore alla Sanità, Flavia Franconi, al dott. Donato Pafundi, ai rispettivi direttori delle Aziende Sanitarie di Patenza e di Matera, al Direttore dell’Azienda San Carlo di Potenza, nonché a tutti gli organi di stampa. Una nota, datata 4 Agosto, in cui si legge: “Si comunica che l’Assemblea comunale di Avis Potenza, riunita in data 22 luglio 2015, ha deliberato l’espulsione dei signori De Asmundis Rocco e Landro Emanuele, dalla nostra associazione e pertanto non fanno più parte dell’Avis”.

Una decisione, spiega Stigliani, adottata dall’Assemblea, al fine unico di autotutelare l’Associazione stessa, basandosi sui gravi sospetti, in qualche caso comprovati dagli interessati, di distrazione di fondi associativi ed omissione degli stessi nei relativi bilanci, nella consapevolezza del delicato ruolo, svolto dall’Avis che non può essere certamente pregiudicato da taluni comportamenti.

A seguito dell’espulsione, si legge ancora, ne deriva che i signori De Asmundis Rocco e Landro Emanuele hanno perso qualsiasi incarico associativo e tantomeno possono rappresentare l’Avis presso le varie sedi.

Il ruolo dell’Associazione di Donatori Volontari Sangue, soprattutto nella nostra Regione che da diversi anni aveva  raggiunto l’autosufficienza ematica e costruito una rete di volontari e centri raccolta capillare, sistematica  e attenta, su tutto il territorio lucano, rimane di primaria importanza.

 

Perché di sangue, purtroppo, c’è sempre bisogno. E non si possono leggere comunicati, come quello diramato qualche giorno fa dall’Ospedale San Carlo di Potenza, a firma della Dott.ssa Clelia Musto, Direttore di Medicina Trasfusionale, e non fare niente!

Così come rimane di primaria importanza mantenere un “primato” fatto non solo di numeri crescenti ma di valori. Di uomini e donne, onesti, che donano il loro tempo ed il loro sangue per il bene del prossimo.

 

http://www.ospedalesancarlo.it/media/news/emergenza_sangue_lappello_donare

Continua l’emergenza sangue. Dalla medicina trasfusionale l’appello a donare, in particolare sangue di gruppo Rh Negativo. Nella nostra regione si registra una carenza di sangue conseguente ad una mancanza di donazioni. Il problema si è presentato per colpa del caldo eccezionale di questo ultimo periodo e l’inizio delle ferie estive, ma anche per un indebolimento della rete trasfusionale che visto ridursi il numero dei Punti di Raccolta gestiti dalle associazioni di Volontariato….