Sul come erano andate le cose per i fuochi del 2 luglio il presidente dell’Associazione Maria Santissima della Bruna, Mimì Andrisani, era stato ‘fermo e chiaro’ già nei giorni scorsi, citando il verbale dei Vigili e denunciando la inopportunità di vietare lo spettacolo di fuochi all’Ottava e per il co patrono Sant’ Eustachio, per il 20 settembre. C’è stato un chiarimento in ”itinere’ a Potenza, al tavolo presieduto dall’assessore regionale all’ Ambiente Gianni Rosa e in attesa della revoca di quel provvedimento restrittivo che a Matera ha destato perplessità e non poche polemiche. I fuochi ”saltati” all’Ottava potrebbero svolgersi domenica prossima ma non a Murgia Timone, per la presenza di una mostra istallazione. Si cerca una alternativa che non sia in contrada Vattelappesca…Vedremo. E c’è attesa anche per il 20 settembre, con gli opportuni approfondimenti. Certo è , e questo non va nè ignorato e nè dimenticato, Matera e la sua Festa in onore di Maria Santissima della Bruna hanno subito un danno non di poco conto. Una pugnalata alle spalle, come hanno commentato in tanti, ricordando che di lama o spada ferisce… Niente sangue, ci mancherebbe. I tempi del Conte Giancarlo Tramontano fanno parte della storia. Ci penserà la Provvidenza…

IL COMUNICATO DELL’ASSOCIAZIONE

Il Presidente dell’Associazione Maria SS. della Bruna, Mimì Andrisani, porta a conoscere delle Autorità, della Stampa e della cittadinanza che, in data odierna, presso il Dipartimento Ambiente ed Energia della Regione Basilicata, ha avuto luogo una riunione indetta dall’Assessore Regionale Gianni Rosa, avente per oggetto “Spettacoli pirotecnici in loc. Murgia Timone – Matera”, che ha visto la partecipazione dei Consiglieri Regionali Enzo Acito, Luca Braia e Piergiorgio Quarto.
Alla suddetta riunione hanno altresì partecipato gli Uffici competenti della Regione Basilicata, il Comitato Esecutivo dell’Associazione Maria SS. della Bruna (Mimì Andrisani, Bruno Caiella e Giovanni Santantonio) unitamente al tecnico incaricato arch. Giuseppe Perrone e al Presidente dell’Ente Parco (dott. Lamacchia).
Dopo l’introduzione dell’Assessore Rosa e gli interventi dei Dirigenti Regionali (Santoro e Piemontese) è seguito l’intervento di Mimì Andrisani e dell’arch. Perrone che, nel tracciare un quadro della situazione alla luce di quanto accaduto durante lo spettacolo pirotecnico del 2 Luglio u.s., hanno sostenuto che non si è trattato di incendio, ma di “ignizione” celermente controllata e senza propagazione.
È seguito l’intervento del Presidente dell’Ente Parco, il quale ha evidenziato che sull’area di sparo è in corso di allestimento la mostra “i Giardini di Zin”, che avrà luogo dal 15 Luglio al 15 Settembre e, pertanto, la richiesta del Comitato di differire al 21 Luglio p.v. lo spettacolo pirotecnico del 7 Luglio non può essere accolta.
Il Presidente Andrisani, nel prendere atto di tale situazione, si è impegnato a trovare una soluzione alternativa, che sarà comunicata nei prossimi giorni per non deludere le giuste attese dei cittadini materani.
Per quanto riguarda invece i fuochi pirotecnici del 20 Settembre, l’Ufficio Regionale Compatibilità Ambientale si è riservato di decidere dopo aver acquisito ulteriori elementi di approfondimento di quanto accaduto.
Il Presidente Andrisani, nel ringraziare l’Assessore Rosa ed i consiglieri regionali intervenuti per l’impegno profuso, si riserva di interessare altri Organismi Istituzionali per la soluzione di un problema che, in un attimo ha vanificato il lavoro dell’Associazione Maria SS. della Bruna, deludendo le attese di un intero anno dei cittadini materani e dei tanti turisti e visitatori.