Conti alla mano il sindaco di Aliano Luigi De Lorenzo invita alla riflessione e a farsi un po’ di conti a quanti parlano di spreco , con poca cognizione di causa, al progetto di realizzare una elisuperficie nella Valle del Sauro. Anzi è una vera e propria opportunità, perchè quella infrastruttura a servizio del comprensorio che comprende i comuni di Aliano, Cirigliano Gorgoglione e Stigliano si lega bene al progetto di miglioramento dell’asse viario di Acinello, con un investimento da 1,2 milioni di euro. E del resto si continua a ripetere da più parti che occorre rompere l’isolamento. Piuttosto si pensi al cantiere e a consegnare quanto prima le opere. Dalle parole ai fatti.

Ho letto un articolo pubblicato su un quotidiano relativo alla elisuperficie presso l’ospedale di Stigliano.
Leggo di sperpero di danaro pubblico e sorge immediata la domanda: come, una elisuperficie comprensoriale, vale a dire utile ai comuni di Aliano, Cirigliano Gorgoglione e Stigliano, realizzabile con soli 40.000,00 euro “non è sempre in linea con i principi di economicità, efficienza e buon andamento della Pubblica Amministrazione, non giustifica tale scelta anche se condivisa e/o concordata con altri Sindaci”?
Preciso, fin da subito, che i tecnici regionali non hanno individuato in nessuno dei comuni citati una superficie adeguata al volo notturno, ivi compresa l’elisuperficie già esistente a Stigliano.
Ma si ha idea di quanto possa costare una elisuperficie?
I comuni citati avevano e hanno a disposizione per la realizzazione di una elisuperficie per il volo notturno appunto la cifra di 40.000,00 euro che basterebbe appena per fare opere di sbancamento. E si dice economicità, efficienza e buon andamento? Con 40.00,00 euro si realizza una elisuperficie che per Aliano, Cirigliano e Gorgoglione funzionerà anche per l’atterraggio diurno.
La superficie di Acinello è stata già utilizzata in passato per l’atterraggio delle e eliambulanza a beneficio di tutti i comuni quando l’elisuperficie di Stigliano era stata definita non adeguata neanche a questo scopo.
Ma come? Quando si tratta di difendere l’ospedale di Stigliano, che per me è comprensoriale, si fa appello a tutti i sindaci del circondario, quando i sindaci del circondario individuano una superficie utile a tutti i comuni ed equidistante da tutti i comuni si afferma che in materia della tutela della salute “si prescinde da accordi e “alleanze istituzionali strategiche” tese ad accontentare tutti”.
Ma come accontentare tutti? Si tratta di una decisione dettata da una attenta valutazione e dalla ristrettezza delle risorse a disposizione oltre che dal buon senso.
Quanto alla distanza, ma come? Da Aliano possiamo e dobbiamo percorrere mezz’ora per arrivare a Stigliano e non si possono percorrere, invece, 10 minuti per arrivare da Stigliano sulla Saurina?
Ma anche l’affermazione “Far percorre curve ad un malato bisognevole di una veloce spedalizzazione in struttura più idonea dell’Ospedale di Stigliano, significa avere una pessima idea della sanità pubblica e della tutela della salute”, non può essere accolta.
Sinceramente, dopo che i comuni SNAI hanno concordato sull’utilizzo di 1.200.000,00 di euro per migliorare la strada di Acinello, non mi sembra che ci siano così tante curve. Peraltro, è la strada che viene percorsa dall’ambulanza per Policoro, ogni volta che le necessità lo richiede.
La pessima idea è quella del campanile che traspare dalla lettura dell’articolo.
Quanto all’affermazione che le lettere sono state scritte dal sindaco di Stigliano, è vero ma le ha scritte come Ente capofila della SNAI.
Infine, quanto al difetto di previsione urbanistica che impedirebbe di realizzare l’elisuperficie, se fosse immodificabile allora avrebbe ragione l’associazione, ma così non è.
Non entro negli altri argomenti perché non sono il difensore d’ufficio del collega Micucci, cui va il mio personale, ma ritengo anche quello degli altri sindaci, sostegno e apprezzamento, in quanto lo stesso è in grado di sostenere e controbattere alle accuse mosse.
Cordialmente, il sindaco di Aliano