La nota di Mirna Mastronardi su una nuova e lodevole iniziativa, la nascita dell’associazione “Agata” di strettissima attualità nella lotta al cancro, mi è giunta mentre tornavo dall’Istituto oncologico di Rionero dove ho ”salutato” una mia cugina deceduta per un tumore.

Era una persona combattiva, che si curava più degli altri che di sè stessa e aveva un consiglio e un sorriso per tutti. La scoperta del male, che l’ha ghermita per sempre, è venuta negli ultimi mesi . Inutili o quasi le ultime cure.

Chissà se si fosse potuto intervenire in tempo, se…quei sintomi di ”stanchezza” li avesse segnalati per tempo …forse mia cugina e tante altre persone che come lei hanno trascurato la parola ”prevenzione” sarebbero ancora tra noi e in via di guarigione.

Forse ci ha pensato anche lei negli ultimi giorni e ha chiesto non fiori ma un versamento all’associazione per la ricerca sul cancro. Seguiremo quell’ultima volontà e con una speranza in più che la lotta contro il cancro si porta avanti tutti i giorni, con le iniziative come quelle che si appresta a presentare Mirna Mastronardi.

Una donna battagliera, con un carattere deciso, senza peli sulla lingua, e forse a qualcuno non piacerà, ma che apprezzo per la tenacia con la quale ha affrontato e affronta le difficoltà della vita.

Auguri Mirna per ”Agata” e per quanti ti saranno vicina in questa iniziativa. Per saperne di più consultate la pagina Facebook di Agata Volontari contro il cancro (https://www.facebook.com/agatacontroilcancro/?fref=ts).

VOLONTARI CONTRO IL CANCRO ”AGATA”

Chi è Agata?
Agata è la tenacia, la determinazione, la forza interiore. Agata è la speranza. E’ la vita oltre paura. E di paura, un ammalato oncologico, se ne intende. Quelle paure (umane, comprensibili) che esplodono tutte insieme di fronte ad una diagnosi di neoplasia. Le paure che di giorno si riescono a nascondere, ma che di notte, subdole, prendono possesso della mente.

Agata è una associazione di volontariato che nasce dall’incontro di un gruppo di donne, pazienti oncologiche o familiari di pazienti, caratterizzate da storie “pesanti” e da un cuore grande. Quel cuore che le ha spinte a mettersi insieme per dar vita ad una realtà associativa di cui il territorio era privo: una associazione di volontariato nel campo socio-sanitario, avente lo scopo di supportare gli ammalati di cancro e le loro famiglie.

Tra le finalità dell’associazione: realizzare servizi di assistenza sociale e socio-sanitaria, lavorare per l’affermazione dei diritti civili dei malati di cancro, promuovere la cultura della prevenzione, fornire informazione sui servizi, sulla loro collocazione, organizzazione e funzione all’interno delle strutture sanitarie e di accoglienza, gestire attività e programmi di formazione finalizzati a favorire il superamento di disagi connessi alla malattia neoplastica, siano essi di carattere sociale, psicologico o materiale, oltre a gestire punti di ascolto e informazione, ai quali ogni ammalato oncologico, o familiare di ammalato, possa rivolgersi, anche in forma anonima, per ottenere aiuto.
 

Grande l’entusiasmo che la neonata associazione sta riscontrando, a dimostrazione di quanto fosse necessario un soggetto come Agata sul territorio, al fianco degli ammalati. Un territorio nel quale il numero di neoplasie sta, purtroppo, drasticamente salendo, come testimoniano le socie fondatrici.

Proprio per incontrare la cittadinanza e per illustrare i primi progetti, sabato 21 gennaio alle ore 18, nella sala consiliare della Delegazione Comunale di Marconia, si terrà la presentazione ufficiale dell’associazione” Agata – Volontari contro il cancro”. Un momento in cui conoscersi e cominciare a parlarsi, per costruire, insieme, un nuovo percorso di solidarietà e speranza. Insieme: perché Agata è ognuno di noi.

 Mirna Mastronardi