Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma del consigliere regionale Francesco Mollica circa la decisione di fare il Capodanno Rai a Matera e non più a Venosa.

Di seguito la nota integrale:

I tanti cittadini del Vulture-Melfese, che sono stati presi in giro, meritano che qualcuno gli chieda scusa e che qualcuno continui a difendere la dignità di cui siamo portatori da diversi millenni, a differenza di tanti altri che si ergono in cattedra solo perché rivestono un ruolo.

È quanto dichiara il consigliere regionale Francesco Mollica, dopo la relazione dell’assessore Franconi in consiglio regionale sulla decisione di fare il capodanno Rai a Matera e non più a Venosa.

Il vero problema – dice Mollica rivolgendosi alla Franconi – che non possiamo pensare che un territorio possa essere sbeffeggiato, preso in giro, sottovalutato, non tenuto nella debita considerazione.

Bisognerebbe fare un’analisi per verificare quali finanziamenti, al di là del capodanno Rai, sono ricaduti sull’intero territorio ein che modo ripartiti e divisi e il Vulture Alto Bradano ne è la Cenerentola.

“Si potrà notare che il territorio del Vulture-Alto Bradano è quello più bistrattato, non perché quell’area non abbia una valenza ambientale, archeologica, culturale ma perché è evidente che si volesse  portare su altri territori quei tipi di finanziamenti. Precisa Mollica ricordando all’Assessore le diverse sollecitazioni che sono state fatte in precedenza.

“Una l’11 e l’altra il 28 di settembre, proprio dove le veniva evidenziato la presenza di un documento ufficiale del Consiglio regionale, organo sovrano e che lei ha disatteso in maniera spudorata. Invece – a parere del consigliere – avrebbe potuto, considerata la diversa posizione presa dalla Rai, far mancare alla stessa il contributo regionale.

Noi stiamo pagando – continua – anche ciò che non dobbiamo pagare: mezzi, persone, tecnici, autorizzazioni sia di collaudo del palco, sia autorizzazioni per la sicurezza; perché la Rai il 19 ne dovrà costruire uno identico a quello già esistente, cambiandonepraticamente solo la scenografia.

Sono stati disattesi una serie di accordi tra la regione Basilicata e RAI Com – sottolinea – cosa grave, anzi gravissima che richiedeva una presa di posizione forte da parte degli organi di Governo regionale.

Non mi si venga ad accusare di essere un campanilista. Mai in 20 anni, di attività politica, sia nella posizione di consigliere semplice, sia nella posizione di Presidente di Commissione, piuttosto che nel ruolo di Assessore regionale, e da ultimo come Presidente del consiglio regionale, posso affermare di non aver mai agito in maniera “partigiana”ma ho pensato sempre alla Basilicata come un unicum da difendere e tutelare.

Una simile decisione – a parere di Mollica – nasconderebbe cose strane senza escludere nessuno. Matera sarà costellata nel 2019 da una serie di eventi infiniti ai quali si va ad aggiungere nuovamente il capodanno Rai, un evento questo che avrebbe dovuto ricadere in più siti del territorio regionale, questo era il programma, questo l’accordo, valorizzare anche gli altri territori.

Venosa, nella fattispecie, non è seconda a nessuno. Basta citare le catacombe ebraiche, uniche nel mondo, l’Incompiuta, unica nel mondo ma in generale la suaè la storia, di una città che all’epoca dei romani contava 300mila abitanti che governava attraverso una sede consolare l’intera Apulia.

L’intera Basilicata è ricca di storia e cultura e questa sarebbe stata, anzi doveva essere l’occasione per farla conoscere nel mondo.

In ultimo Mollica fa presente che Venosa non si accontenterà di palliativi come la presenza della trasmissione rai sereno Variabile, finestra non disprezzabile ma certamente non valida a sostituire un evento di altra proporzione. La comunità di Venosa ha una dignità da difendere e che difenderà come il popolo lucano sa fare, quel territorio merita rispetto al pari di tutti gli altri

E allora se, chi governa,  non riesce a mantenere una Regione anche sotto l’aspetto delle spinte campanilistiche, sarebbe stato doveroso e dignitoso dimettersi.

Pubblicamente dovreste cospargervi la testa di cenere e chiedere scusa ad un’intera Comunità.

Io non voterò – conclude Mollica – alcun atto di bilancio che contenga poste finanziarie sul capodanno Rai.