Fare come in Inghilterra? Inoculare una prima dose a più persone possibile senza curarsi di conservare la seconda per i richiami? Non sappiamo se è questa la strategia intorno  a cui si sta ragiona per davvero a Palazzo Chigi, come si legge.  Ma rispetto ad AstraZeneca (il vaccino usato in GB) non ci sarebbe nulla di nuovo rispetto alla prassi  in essere, ovvero, aspettare dodici settimane prima di procedere a somministrare il richiamo, semplicemente perché l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) lo ha raccomandato sin dal 10 febbraio scorso.

Ma guardando i dati (nel Regno Unito, 17 milioni e 700mila persone hanno ricevuto la prima dose, solo 625mila anche la seconda e si è cominciato con un mese di anticipo) è evidente che la vera efficacia consiste non nei richiami, ma nel numero di dosi avute a disposizione. E l’Italia, ad oggi, ne ha ricevuti 4 milioni e 700mila dosi (poco più di un quarto).

Inoltre, per copiare il cosiddetto “modello inglese“ estendendolo a tutti i tipi di vaccino, il governo dovrebbe decidere di contravvenire alle indicazioni dell’Agenzia europea (Ema) e (Aifa), posticipando i richiami di tutti i vaccini a data da destinarsi.

Certo, come abbiamo rilevato in precedenza,  la velocità nelle vaccinazioni è un aspetto cruciale nella lotta alla pandemia, sia per un ritorno ad un maggiore normalità, sia nel contrasto alle nuove varianti.  Ma per accelerare e immunizzare più persone possibili, però, nemmeno Draghi al momento non può fare molto. Almeno finché il ritmo delle consegne settimanali dei vaccini al momento disponibili sul mercato non aumenterà.  Ed è proprio  nell’immediato che, invece, continuano a non arrivare buone notizie, considerato che proprio AstraZeneca ha annunciato che questa settimana ridurrà del 15% le consegne del farmaco anti-Covid in Italia.

E in attesa di buone nuove sul fronte delle forniture di vaccini, ecco i dati diffusi oggi dalla task force della Basilicata relativi ai 1.430 tamponi processati nella giornata di ieri 22 febbraio 2021,  sono stati riscontrati 120 positivi (114 residenti) pari ad un incidenza dell’8,39% , inferiore al 10,49% di ieri  ma di molto superiore a quello nazionale che è stato del 5,64%.

I nuovi positivi riguardano: 21 Potenza, 18 Matera, 16 Venosa, 9 Maratea, 7 Montescaglioso e Genzano di L.,  poi via via con numeri più bassi.

Ma a quelli nel report riferiti alla giornata di ieri, vengono aggiunti altri 36 positivi (35 residenti) relativi a sabato scorso e non conteggiati, tutti del materano (10 Montescaglioso, 11 Policoro, 3 Pisticci-Accettura- Ferrandina e poi via via con numeri inferiori).

Dato che se aggiunto a quelli di sabato correggono in rialzo sia l’incidenza di quella giornata facendola salire al 9,4%, sia quello settimanale da 7,99% all’8,42%.

Viene segnalato, purtroppo, un altro decesso, mentre i ricoveri totali rimangono stabili (84) ed anche quelli in terapia intensiva rimangono (da 4 salgono a 5).

Infine, sono 48 i guariti della giornata (44 i residenti), con il totale dei positivi in Basilicata che oggi è di 3.476.   

Ma ecco i dati come comunicati ufficialmente in dettaglio:

REGIONE BASILICATA – BOLLETTINO TASK FORCE CORONAVIRUS
ESTRAZIONE DATI PIATTAFORMA COVID-19 DEL GIORNO 23 febbraio 2021, ORE 10.00
Report dati processati in data 22 febbraio 2021
Tamponi molecolari totali n. 232.955
Tamponi totali negativi n. 215.589
Persone testate n. 142.341

Tamponi molecolari di giornata n. 1.430
Test antigenici totali 10.795
TAMPONI MOLECOLARI POSITIVI TOTALI N. 120
Tamponi negativi n. 1.310

RICOVERATI N. 84
A.O.R. San Carlo Potenza
Malattie Infettive n. 27
Pneumologia n. 21
Medicina d’Urgenza n. 09
Terapia Intensiva n. 02
A.S.M. P.O. Madonna delle Grazie – Matera
Malattie Infettive n. 13
Pneumologia n. 09
Terapia Intensiva n. 03

GUARITI TOTALI DI GIORNATA N. 48

DECESSI TOTALI N. 01
Deceduti Residenti n. 01
Potenza

POSITIVI TOTALI N. 120
Residenti: n. 114
N. Comune
2 Accettura
1 Avigliano
3 Bernalda
1 Ferrandina
7 Genzano di Lucania
1 Grottole
1 Lauria
9 Maratea
18 Matera
5 Melfi
2 Moliterno
7 Montescaglioso
2 Oppido Lucano
3 Palazzo San Gervasio
1 Picerno
2 Pignola
4 Pisticci
3 Policoro
21 Potenza
1 Rapone
3 Rionero in Vulture
1 Scanzano Jonico
16 Venosa
Non residenti ma domiciliati in Regione Basilicata: n. 01
N. Regione/ Stato estero
1 Lombardia (domiciliato a Matera)
Non residenti ed in isolamento nelle rispettive regioni: n. 05
N. Regione/ Stato estero
5 Puglia

GUARITI TOTALI N. 48
Guariti residenti in Regione Basilicata n. 44
N. Comune
1 Avigliano
1 Castelgrande
3 Lagonegro
4 Lauria
1 Marsicovetere
7 Matera
6 Melfi
1 Miglionico
1 Montalbano Jonico
1 Muro Lucano
3 Paterno
2 Pietragalla
2 Pignola
3 Policoro
1 Pomarico
1 Potenza
1 Rionero in Vulture
1 Tito
4 Tolve
Guariti non residenti ma domiciliati in Regione Basilicata: n. 02
N. Regione/ Stato estero
1 Lazio (domiciliato a Muro Lucano)
1 Marche (domiciliato a Castelgrande)
Guariti non residenti nè domiciliati in Regione Basilicata: n. 02
N. Regione/ Stato estero
1 Campania
1 Puglia

Note:

Al computo delle positività totali della Regione, per successivo caricamento in piattaforma Covid-19, si aggiungono ulteriori n. 36 positività (come da specifica di seguito riportata) riferite a sabato 20.02.2021, data a partire dalla quale sono state comunque prese in carico dall’Azienda sanitaria territorialmente competente.

POSITIVI TOTALI N. 36
Residenti: n. 35
N. Comune
3 Accettura
1 Colobraro
3 Ferrandina
1 Matera
1 Montalbano Jonico
10 Montescaglioso
3 Pisticci
11 Policoro
1 Scanzano Jonico
1 Tursi (domiciliato a Policoro)
Non residenti ma domiciliati in Regione Basilicata: n. 01
N. Regione/ Stato estero
1 Cina (domiciliato a Matera)

CASI ATTUALI RESIDENTI N. 3.476
POSITIVI RESIDENTI IN ISOLAMENTO DOMICILIARE N. 3.392
DECEDUTI RESIDENTI N. 357
GUARITI RESIDENTI N. 10.786