Basilicata: 1 decesso a Ferrandina. Un contagiato Omicron5 ne può infettare 15-17.

Una persona con Omicron 5 può contagiarne altre 15-17, dice il virologo Fabrizio Pregliasco, come potete leggere più avanti. Ed deve dipendere proprio dalla così elevata contagiosità di quest’ultima variante a mantenere così alti i positivi anche in Basilicata, così come è confermato anche dai dati del report odierno della task force regionale (Task Force Coronavirus bollettino del 22 giugno 2022) che riferiscono di oltre 400 nuovi positivi con una incidenza del 33,17% che si mantiene molto oltre il dato settimanale del 28,83% e di un decesso: un uomo di Ferrandina (classe 1935) deceduto nel reparto di pneumologia del Madonna delle Grazie di Matera.

Per quanto riguarda i ricoveri totali, invece, rimangono fermi ai 40 del giorno precedente, ma con 4 in più a Potenza e 4 in meno a Matera (26 al San Carlo e 14 al Madonna delle grazie) e sempre nessuno in terapia intensiva.

Dunque, come dicevamo, sono stati riscontrati 402 positivi su 1.212 i tamponi processati nella giornata di ieri. Dei 390 residenti (254 nel potentino e 136 nel materano) sono stati riscontrati a: Potenza (79), Matera (48), Policoro (12), Garaguso (11), poi in altre comunità con numeri inferiori.

Considerati i nuovi positivi e tenuto conto dei 263 guariti di giornata, oltre che dei 419 relativi a periodi precedenti e frutto del lavoro di ricalcolo dei dati in piattaforma covid19, compreso il decesso, il totale dei positivi in regione scende da 11.410 a 11.117.


Una persona con Omicron 5 può contagiarne altre 15-17. E’ l’avvertimento sulla super trasmissibilità della sottovariante Omicron 5, che sembra essere destinata a diventare dominante anche in Italia, del virologo Fabrizio Pregliasco, docente di Igiene all’università Statale di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi.

Eravamo già in pre allerta per un rialzo dei contagi Covid in autunno, –dichiara-  ma la presenza di questa nuova variante Omicron BA.5 ci ha sorpreso. Questo virus presenta una contagiosità estrema, superiore addirittura a quella del morbillo e della varicella, con un R0 che oscilla tra i 15 e i 17: basti pensare che la variante Wuhan“, quella originaria, “aveva un R0 di 2,5, mentre la Delta di 7. Questi valori rappresentano il numero medio di casi secondari rispetto a un caso indice, quindi” sono “valori che la rendono molto più temibile: una persona infettata da BA.5 “può contagiarne altre 15 o 17“.

Sul fronte dei vaccini, nel mentre Moderna comunica che, dai test del proprio booster bivalente (nome provvisorio mRNA-1273.214) si registra “una potente risposta anticorpale neutralizzante contro le sottovarianti di Omicron BA.4 e BA.5“, con l’obiettivo di contrastare Covid nell’era Omicron, c’è la notizia anche di un vaccino mRNA italiano contro sotto le varianti che sarebbe in arrivo.

Ad averlo messo a punto sarebbe una startup italiana, denominata Fondo Ricerca Medica, con sedi all’Aquila e Roma  e specializzata nella ricerca biotecnologica e negli algoritmi di predizione di variazioni genomiche,che dopo averlo testato “con buoni risultati” in sperimentazioni precliniche regolatorie sugli animali, prevede di poter passare a breve alla sperimentazione sull’uomo.

Related posts

Rispondi