Nonostante la Basilicata sia in zona gialla e nonostante sia stato stabilito con provvedimento governativo il rientro in classe anche per le superiori da lunedì prossimo in tutta Italia (https://giornalemio.it/cronaca/ecco-le-nuove-regole-anti-covid-in-vigore-dal-16-gennaio-cosa-cambia/), gli studenti lucani delle superiori dovranno rimanere a casa, con la didattica a distanza, sino al 30 gennaio. E chi se ne frega delle proteste degli studenti che reclamano il rientro in classe…..

E’ quanto ha deciso il Presidente della Giunta regionale Vito Bardi con la nuova ordinanza (n.3 del 16 gennaio 2021) appena firmata.

In una nota si legge che: “Con questo provvedimento, dalla data odierna e fino al 30 gennaio 2021 gli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, e le Scuole di istruzione e formazione professionale (IeFP) continuano ad adottare la didattica digitale integrata complementare alla didattica in presenza per gli studenti dei percorsi di studio e per gli iscritti ai percorsi di secondo livello dell’istruzione degli adulti in modo da assicurare il ricorso alla didattica digitale integrata per il 100% della popolazione studentesca.

Inoltre, a decorrere da oggi l’ordinanza dispone che sul territorio regionale i servizi di trasporto pubblico locale continuino ad essere esercitati con un coefficiente di riempimento massimo del 50% dei posti consentiti dalla carta di circolazione dei mezzi stessi.

L’ordinanza è stata pubblicata sul supplemento ordinario del Bollettino Ufficiale della Regione n.7 del 16 gennaio 2021 ed è consultabile sulla home page del sito internet della Regione, nella sezione Bur.”